Inaugurata anche la nuova sede unificata del Centro Operativo Comunale dei Comuni di Castelnuovo di Garfagnana e Pieve Fosciana

Una giornata importante, che non vuole essere soltanto una mera celebrazione. I quarant’anni del Corpo Antincendio Volontario rappresentano un momento fondamentale della storia della nostra terra: in questo luogo si sono vissute alcune delle esperienze più importanti ed avanzate di Protezione civile e di volontariato a livello nazionale. Esperienze che si sono cimentate sul campo e che hanno aiutato a costruire una vera cultura della prevenzione

Così questa mattina il sindaco di Castelnuovo di Garfagnana, Andrea Tagliasacchi, per le celebrazioni dei quarant’anni di attività della pubblica assistenza C. A.V. (Corpo Antincendio Volontario). Presenti alla cerimonia anche il capo dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio, il presidente Giuseppe Zamberletti, gli assessori regionali Federica Fratoni e Marco Remaschi, i consiglieri regionali Stefano Baccelli e Ilaria Giovannetti, e i sindaci della Valle. Per l’occasione e’ stata anche inaugurata la nuova sede unificata del Centro Operativo Comunale dei Comuni di Castelnuovo di Garfagnana e Pieve Fosciana.

Dopo molti anni – ha spiegato il sindaco Tagliasacchi – oggi è possibile poter dotare nuovamente il nostro Comune e quello di Pieve Fosciana di una adeguata Sala Operativa Comunale di Protezione Civile

La Nuova sede operativa e’ tornata nella sua sede naturale di Orto Murato a Castelnuovo di Garfagnana dopo che per diversi anni, per permettere i lavori di messa in sicurezza sismica degli edifici scolastici, è stata la sede provvisoria delle Scuole Materne di Castelnuovo di Garfagnana e Pieve Fosciana. La novità assoluta è l’unificazione della sala Operativa per i due Comuni di Castelnuovo e Pieve Fosciana, già associati ormai da anni per molti funzioni. La nuova sede, oltre a fungere da Centro Operativo Comunale diventerà un vero e proprio punto di riferimento per tutte le Associazioni di Volontariato di Protezione Civile della zona.

Share