Castelnuovo di Garfagnana, bilancio di previsione: più equità sociale per combattere l’evasione

Il capoluogo garfagnino è tra i pochi comuni italiani ad averlo approvato nei termini stabiliti. Previsti per il 2017l’affidamento in gestione ventennale dei due impianti sportivi comunali e una ‘nuova’ illuminazione pubblica

Castelnuovo di Garfagnana, 29 dicembre – Maggiore equità sociale grazie ad una rimodulazione delle tariffe per i servizi a domanda individuale che tenga in considerazione l’indicatore Isee. Il tutto con l’obiettivo di ridurre la ‘piaga’ l’evasione fiscale, che da sempre pesa moltissimo sul bilancio comunale. In più una ‘nuova’ illuminazione pubblica e l’affidamento in gestione ventennale dei due impianti sportivi comunali.
Approvato dal Consiglio Comunale di Castelnuovo di Garfagnana il bilancio di previsione 2017/2019. “Siamo uno dei pochi comuni in Italia – spiega l’assessore al Bilancio, Ilaria Pellegrini – ad aver approvato il bilancio entro i termini stabiliti del 31 dicembre. Questo ci consentirà di gestire in modo più razionale e consapevole le risorse che abbiamo a disposizione”. Un aspetto fondamentale, questo, soprattutto quando si opera in un quadro di continui tagli nei trasferimenti di risorse statali. “Solo per il nostro comune – prosegue Pellegrini – si parla di oltre 620mila euro in meno dal 2012 ad oggi. Per il 2017non ci dovrebbero invece essere ulteriori riduzioni di entrate. In questo quadro nazionale
si innestano poi le peculiarità del nostro Comune, in primis l’evasione tributaria”. Dai lavori degli uffici emerge infatti che solo in parte l’evasione è una conseguenza della crisi economica. Esiste infatti una categoria di ‘furbetti’ che, pur non avendo problemi specifici, non paga le tasse o lo fa solo dopo anni, quando gli viene notificato l’accertamento. “L’Amministrazione – prosegue Pellegrini – è comunque impegnata a reperire finanziamenti exra che ci consentano di realizzare gli obiettivi del programma di mandato e di rispondere alle necessità dei cittadini e del territorio del nostro comune”.
EQUITA’ SOCIALE. Per prevenire fenomeni di evasione l’amministrazione intraprenderà un cammino di rimodulazione delle tariffe per servizi a domanda individuale, diversificandole in base all’Isee. “Abbiamo iniziato con il servizio mensa – continua Pellegrini – che partirà a decorrere dal primo gennaio prossimo (con termine alla fine di quel mese per la presentazione della dichiarazione ISEE). Per quanto riguarda il trasposto scolastico, data l’esiguità del contributo richiesto fino ad oggi, che non veniva aggiornato oltre 10 anni, è stato previsto un aumento di 5 euro al mese partire dal prossimo anno scolastico (resta l’esenzione per i redditi inferiori a 5 mila euro): il tutto con l’obiettivo di modulare in base all’Isee anche questo servizio. Entro il prossimo anno vorremmo poi arrivare ad una per fasce di reddito anche per quanto riguarda la Tari”.
OPERE PUBBLICHE. Per quanto riguarda gli investimenti l’amministrazione ha limitato le proprie previsioni agli interventi prioritari. Per il 2017 sono quindi previsti i lavori di restauro della Rocca Ariostesca (700mila euro), finanziati dal ministero dei beni e delle attività culturali per un importo complessivo di 2,5 milioni di euro (che va ad interessare anche gli anni 2018 e 2019), e il 3° lotto dei lavori di messa in sicurezza della scuola elementare (103mila euro) finanziati dalla Regione Toscana. Previsto anche l’ampliamento del cimitero della frazione di Colle, che verrà finanziato con un muto di importo pari a 80mila euro.
IMPIANTI SPORTIVI E ILLUMINAZIONE PUBBLICA. Previsto per il 2017 anche l’affidamento in gestione ventennale dei due impianti sportivi comunali (Campo vecchio e stadio Nardini). Nei prossimi giorni sarà pubblicato il bando: chi lo vincerà dovrò garantire l’adeguamento e la messa a norma degli impianti stessi. Ad essere premiato sarà il miglior progetto presentato. Per la prima volta il comune attiverà inoltre anche una concessione per 1,2 milioni di euro che permetterà di ammodernare ed efficientare dal punto di vista energetico l’lluminazione pubblica e gli impianti termici degli edifici comunali.

Share