CAPANNORI – IN ARRIVO DUE NUOVE TELECAMERE AD ALTA DEFINIZIONE CONTRO L’ABBANDONO DEI RIFIUTI

Si aggiungono alle 5 ‘fototrappole’ già in funzione

Saranno posizionate nei prossimi giorni sul territorio di Capannori due nuove telecamere contro l’abbandono dei rifiuti. Si intensifica così l’azione dell’amministrazione Menesini contro i reati ambientali. I nuovi ‘occhi elettronici’ sono ad alta definizione specializzati per il controllo delle aree di abbandono illecito dei rifiuti, poiché, grazie all’utilizzo degli infrarossi sono in grado di visualizzare la targa dei veicoli anche con pochissima luce e quindi anche di notte. Attive 24 ore su 24 le nuove telecamere ruoteranno sul territorio andandosi a posizionare nei luoghi più soggetti all’abbandono dei rifiuti anche in base alle segnalazioni dei cittadini.

Con il posizionamento di due nuove telecamere contro l’abbandono dei rifiuti sul nostro territorio andiamo a potenziare la nostra azione contro i reati ambientali, che costituisce una priorità per la nostra amministrazione – spiega l’assessore all’ambiente, Giordano Del Chiaro -. L’utilizzo di strumenti elettronici per sconfiggere questo deprecabile fenomeno sta dando i suoi frutti perché gli abbandoni sono diminuiti soprattutto nelle aree più interessate da questo fenomeno. Per questo abbiamo deciso di proseguire su questa strada aumentando il numero di telecamere di controllo sul territorio. Nella lotta all’abbandono si sta rivelando molto importante anche la collaborazione dei cittadini, in particolare grazie al servizio ‘Acchiapparifiuti’ “.

Le due nuove telecamere si aggiungono alle 5 ‘fototrappole’, già in funzione che, oltre ai sacchi abbandonati hanno anche lo specifico compito di controllare eventuali episodi di microcriminalità. Anche queste sono attive 24 ore su 24 e ruotano sul territorio concentrandosi nei luoghi più sensibili fra cui i cimiteri, come quelli di Marlia, Capannori e San Ginese, l’area del mercato e dello sportello al cittadino di Marlia, il parco di Guamo, il parcheggio di Lappato e quello vicino alla scuola secondaria di San Leonardo in Treponzio.

Share