CAPANNORI – Arriva ‘Il taxi dei donatori’:accompagnerà anziani, persone sole o con problemi di mobilità a disbrigare pratiche e svolgere commissioni della vita quotidiana

Immagine di un taxi

Anziani, persone sole o con difficoltà di spostamento o con situazioni socio-economiche disagiate  potranno contare su un nuovo servizio gratuito, il ‘Taxi dei donatori’ promosso dai Donatori di Sangue Fratres di Coselli, Badia di Cantignano, Guamo e  Vorno con  il sostegno del Comune di Capannori e la partnership dell’associazione ‘La Sorgente’ di Guamo e del Gruppo ricreativo culturale di Vorno.  ‘Il taxi dei donatori’ potrà accompagnare coloro che ne faranno richiesta  presso gli uffici pubblici per il disbrigo di pratiche amministrative come il rilascio di documenti, la richiesta di certificati o  la presentazione di istanze o a svolgere commissioni ordinarie come, ad esempio, l’acquisto di farmaci, la spesa al supermercato, il pagamento delle bollette, oppure l’effettuazione di una visita medica. L’attivazione del nuovo servizio è prevista per il prossimo autunno.

“Si tratta di un servizio importante, perché mette al centro il cittadino e i suoi bisogni. IL suo obiettivo è infatti quello di agevolare la fruizione di servizi di base e lo svolgimento di attività ordinarie della vita quotidiana per tutte quelle persone che hanno difficoltà a farlo in maniera autonoma, collaborando con le famiglie nella gestione di difficoltà temporanee o permanenti – spiega l’assessore alle politiche sociali Matteo Francesconi-. Per questo ben volentieri contribuiamo alla  realizzazione di questo nuovo progetto ideato dai donatori di sangue ai quali facciamo i complimenti per questa bella iniziativa, che non solo punta ad occuparsi delle fasce più deboli della popolazione, ma mira anche a costruire una nuova cultura organizzativa ed assistenziale basata sulla collaborazione tra enti pubblici, enti del terzo settore e volontari”.

“Con questo progetto abbiamo partecipato ad un avviso pubblico promosso dalla Regione Toscana per la concessione a soggetti del terzo settore di contributi in ambito sociale,  ma è nostra intenzione realizzarlo a prescindere dall’ottenimento del finanziamento regionale, perchè lo riteniamo importante dal punto di vista sociale per la nostra comunità – spiega il presidente del Donatori di Sangue Fratres di Coselli, Badia di Cantignano, Guamo e  Vorno Claudio Ghilardi-. Ci sono infatti molte persone, soprattutto anziani, ma anche cittadini  soli, con problemi di mobilità o situazioni economiche precarie che hanno bisogno di un aiuto per disbrigare pratiche e commissioni della vita quotidiana. L’obiettivo insomma è quello di intervenire sui fenomeni di marginalità e di esclusione sociale e promuovere la partecipazione attiva per contribuire alla riscoperta di legame solidaristici  a livello di comunità locale”.

Share