Capannori – Approvato il piano triennale di prevenzione della corruzione e per la trasparenza

La presidente del consiglio comunale, Gigiola Biagini

Azioni e interventi efficaci nel contrasto ai fenomeni corruttivi concernenti l’organizzazione e l’attività amministrativa. Inoltre piena trasparenza nell’attività dell’Ente. È quello che prevede il Piano triennale di prevenzione della corruzione e per la trasparenza 2020-2022 che nei giorni scorsi è stato approvato dall’amministrazione Menesini.

“Il piano è un importante strumento per la buona amministrazione – spiega la presidente del consiglio comunale, Gigliola Biagini -. L’obiettivo è quello di riaffermare i principi di imparzialità, legalità ed efficienza che sono alla base dell’azione di ogni amministrazione pubblica. Vuole inoltre promuovere a tutti i livelli organizzativi dell’Ente una responsabilizzazione diffusa e una cultura consapevole dell’importanza del processo di gestione del rischio e delle responsabilità correlate, con l’attuazione di percorsi formativi e di sensibilizzazione relativi all’etica pubblica. Particolarmente importante è anche la prevista implementazione di nuovi servizi online da parte del Comune, perché una standardizzazione nelle procedure assicura non solo parità di trattamento ma anche trasparenza. Una trasparenza che è sempre assicurata e garantita dal nostro ente”.

Il piano, recependo le linee guida emanate a livello nazionale dall’Anac, per il trienno 2020-2022 ha obiettivi quali una formazione del personale operante nelle aree più esposte a rischio, l’assegnazione di obiettivi di qualità ai dirigenti, l’implementazione del lavoro in squadra e dell’innovazione tecnologica nell’ambito dell’erogazione dei servizi ai cittadini, la semplificazione nell’organizzazione degli uffici e un monitoraggio semestrale anziché annuale sull’attuazione delle misure di prevenzione della corruzione e trasparenza.

E’ prevista anche la rotazione del personale nelle aree a più elevato rischio di corruzione. Viene inoltre garantita la possibilità per le persone che lavorano in Comune di fare segnalazioni in forma anonima su comportamenti non conformi al fine di contribuire in maniera significativa al buon andamento dell’Ente.

L’intero processo di coordinamento di gestione del rischio è portato avanti dal Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza, il segretario generale dell’Ente, Roberto Gerardi.

Il piano è il risultato di un processo collaborativo, che ha visto il coinvolgimento di tutta l’amministrazione comunale, dei dirigenti e dei responsabili degli uffici. Tutti i portatori di interesse, compresi i consiglieri comunali, hanno potuto presentare i loro eventuali contributi. La versione definitiva del piano è stata infine approvata dalla giunta comunale.

Share