Al via il progetto ‘Una radice nel futuro!’. Il Comune mette a dimora nuovi alberi nei giardini delle scuole

Piantumazione alla scuola primaria di Lammari

Ha preso il via questa mattina (venerdì) il nuovo progetto ‘Una radice nel futuro!’ promosso dall’amministrazione comunale in collaborazione con Legambiente Capannori-Piana Lucchese  per coinvolgere gli studenti in un percorso di sensibilizzazione sull’importanza degli alberi nel migliorare gli spazi in cui viviamo. Il progetto prevede di mettere a dimora nei giardini delle scuole primarie e secondarie di primo grado dei quattro istituti comprensivi del territorio che hanno aderito all’iniziativa nuovi alberi di acero e di tiglio, tipici del territorio comunale.
Le scuole interessate dal progetto sono 13 per un totale di 20 alberi. Le prime piantumazioni sono avvenute alla presenza dell’assessore all’ambiente Giordano Del Chiaro, del consigliere comunale Guido Angelini e di Sara Micheli ed Emanuele Nannizzi di Legambiente Capannori-Piana Lucchese, alla scuola primaria di Marlia e alla scuola primaria di Lammari.

“Gli alberi sono i nostri principali alleati nella lotta al cambiamento climatico e nell’abbattimento delle polveri sottili con l’obiettivo di migliorare la qualità dell’aria e della vita dei nostri cittadini – sostiene l’assessore all’ambiente, Giordano Del Chiaro-. Nei prossimi anni la messa a dimora di nuovi alberi deve diventare sempre più il progetto di una intera comunità.Per questo motivo riteniamo fondamentale sensibilizzare  i ragazzi sull’importanza e gli effetti positivi che gli alberi e il verde in generale apportano alla nostra salute e all’ambiente in cui viviamo. Le nuove generazioni infatti  sono quelle che vivranno in prima persona la grande sfida della transizione ecologica e come spesso accade sono i migliori alleati nel promuovere i  cambiamenti verso uno stile di vita più rispettoso dell’ambiente. Secondo gli esperti, in Italia per contrastare l’inquinamento e il riscaldamento globale dovremmo piantare 2 miliardi di alberi nei prossimi anni, circa 33 alberi ad abitante:un obiettivo ambizioso che deve essere portato avanti tutti insieme a partire dall’entusiasmo e dalla tenacia dei più piccoli’.

Il nuovo progetto si inserisce in un piano che l’amministrazione comunale  sta portando avanti  per la conservazione e l’implementazione del  patrimonio arboreo sul territorio.  Tra le azioni messe in campo la misura sul ‘reimpianto compensativo’ di alberi e piante abbattuti sul territorio comunale per riconoscere il diritto dei cittadini all’ossigeno  e il progetto ‘Amaca’ (Alberi per Migliorare l’Aria a Capannori) con cui il Comune si è aggiudicato un finanziamento regionale di circa 190 mila euro per mettere a dimora circa 1.300 nuove alberature autoctone che, a partire dalla prossima primavera, andranno a rendere più verdi e più salutari 11 aree urbane.

Nei prossimi giorni le piantumazioni proseguiranno nelle seguenti scuole: scuola secondaria di primo grado di Lammari, scuola primaria e secondaria di primo grado di Camigliano; scuola primaria di Segromigno in Piano, scuola primaria di Segromigno in Monte, scuola primaria di Guamo, scuola primaria di Massa Macinaia, scuola secondaria di primo grado di San Leonardo in Treponzio, scuola primaria di San Colombano, scuola primaria di Lunata, scuola primaria di Pieve San Paolo.

Share