old_1d68a2721295fda8d14488eb81fcd7d1AL VIA UN NUOVO PROGETTO DI INTEGRAZIONE CHE DA’ LA POSSIBILITA’ ALLE FAMIGLIE DI INVITARE

A CENA UN RICHIEDENTE ASILO

E’ promosso da Comune, cooperativa Odissea e Osservatorio per la pace

A tavola non si consuma solo cibo ma ci si incontra, ci si confronta, si scambiano storie, ci si conosce. Per questo è stata scelta come ‘luogo’ al centro di un nuovo progetto di integrazione denominato ‘Aggiungi un posto a tavola’, grazie al quale le famiglie del territorio possono invitare al proprio desco per cena richiedenti asilo accolti sul territorio con il progetto SPRAR (sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati).

Promosso dal Comune di Capannori in collaborazione con la cooperativa sociale Odissea e l’Osservatorio per la pace il progetto vuole dare alle famiglie e ai richiedenti asilo, accompagnati da un operatore della cooperativa o dell’osservatorio, un’occasione per conoscersi e per scambiarsi in un clima conviviale racconti ed esperienze, per scoprire ciò che li accomuna e ciò che li rende unici. Le cene possono svolgersi in famiglia ma anche nella comunità più allargata delle corti, realtà tipiche del territorio capannorese.

Crediamo che ci sia sempre più bisogno di abbattere muri e di costruire ponti aprendosi alla conoscenza di coloro che provengono da altri mondi ed hanno culture diverse, ma vivono sul nostro stesso territorio – affermano gli assessori alle politiche per la comunità Francesco Cecchetti e all’osservatorio per la pace Ilaria Carmassi-. Un’opportunità importante per i cittadini del nostro comune per approfondire la conoscenza, durante un momento conviviale, di quei giovani che magari tante volte hanno incontrato per strada o hanno visto impegnati in lavori socialmente utili promossi anche dalla nostra amministrazione a pulire spazi pubblici contribuendo al decoro del territorio. Giovani che non dimentichiamo hanno alle loro spalle storie drammatiche e che sono arrivati sul nostro territorio nella speranza di un futuro migliore. La conoscenza aiuta certamente ad allontanare ingiustificate paure e crea relazioni utili a migliorare la convivenza all’interno di una stessa comunità. Invitiamo quindi i cittadini ad aderire a questo nuovo progetto e a fare un invito a cena sicuramente insolito, ma che può arricchire tra una portata e l’altra chi lo fa e chi lo riceve e magari far nascere anche nuove amicizie”.

Coloro che sono interessati a partecipare al progetto e quindi ad invitare a cena richiedenti asilo possono ricevere informazioni e manifestare la propria disponibilità scrivendo una email all’indirizzo aggiungiunpostoatavolacapannori@gmail.com o telefonando al numero 0583 935251 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13).

 

Share