unnamed (10)

 
C’era proprio tutto di “quel” coriandolo, martedì sera, alla seconda serata di Canzonissima di Carnevale 2017. C’erano le parole: Gianluca Cucchiar. C’era la voce: Egisto Olivi. C’era una doppia ricorrenza: 1987, “Come un coriandolo” vince la Canzonetta dei Rioni; 8 febbraio 2000, Stefano Pasquinucci (anche lui presente in sala) proclama “Come un coriandolo” Canzone del Secolo. Uno straordinario crocevia di tempo e cuore che Renzo Pieraccini, Alessandro Santini e Antonella Ciardiello, ideatori e organizzatori di Canzonissima di Carnevale, hanno voluto omaggiare con semplicità e affetto, recuperando i filmati originali di quelle due pietre miliari della storia musicale di Burlamacco e ringraziando così tutti i protagonisti di quei momenti, con un abbraccio grande quanto il Caffè Liberty.
 
E’ stata questa la parte più emozionante del secondo atto del concorso di canzoni carnevalesche patrocinato dalla Fondazione Carnevale di Viareggio e dal Consorzio di Promozione Turistica della Versilia che, sul palco dell’ex Caffè Savoia, ha chiuso la sua prima settimana di lavoro assegnando altri 5 biglietti per le semifinali: DA VIAREGGIO CON AMORE (1982, E.Malfatti) portata in gara da Lorenzo Ghiselli, IL SAMBA DEL VIAREGGINO (1986, G.Domenici) cantata Claudio Bini, LIBERI PER SEMPRE (2016, D.Paolinelli-M.Cima) con il binomio Alberto Martinelli-Daniele Chicca, MASCHEREIDE (1922, L.Maffei-I.Sadun) interpretata da Luca Del Carlo e NASCE DENTRO AL CUORE (2014, A.Pasquinucci) di Alessandro Pasquinucci. Le prime quattro promosse dalla giuria tecnica, capitanata da Riccardo Corredi e composta da Vincenzo Puosi, Francesco Barsottelli, dal titolare del Caffè Liberty Angelo Pucci e dal giornalista della Gazzetta di Viareggio, Riccardo Cavirani; l’ultima, invece, “ripescata” dal voto della giuria popolare.
Questi brani, insieme a “Canta”, “Le donnine dei tigli”, “Un sogno ad occhi aperti”, “Pensa se potesse una canzone” e “Ride Viareggio”, proseguono quindi la loro corsa verso il titolo di Canzonissima di Carnevale 2017 e il prezioso Coriandolo d’Oro, trofeo disegnato e realizzato appositamente dalla gioielleria Oro Più di Viareggio per il vincitore del concorso.
 
Un turbinio di emozioni raccontato sul palco dal binomio Mattia Di Vivona-Federica Michetti e incorniciato dalle esilaranti gag dei disturbatori Alessandro Santini (in versione Grillo Parlante)-Umberto Cinquini, protagonisti anche di un’improbabile lezione di anatomia. Altre simpatiche novità, il racconto della serata formato vignetta grazie alla matita pungente di Andrea Vassalle (Alla Fòa) e il concorso fotografico #faccedacanzonissima lanciato da Umberto Cinquini: in palio “imperdibili” gadget per il miglior selfie postato su Facebook o Instagram dalla platea del Caffè Liberty, durante le sere di spettacolo.
Tutto sotto l’occhio di Reteversilia News, emittente media partner di Canzonissima di Carnevale che riproporrà nel fine settimana le prime due serate del concorso: quella di lunedì 6 febbraio, sarà in onda sul canale 85 del Digitale Terrestre venerdì 10 alle 21; per lo spettacolo di martedì, invece, appuntamento a sabato 11, stesso orario. Previste repliche nei giorni successivi.
 
Photocredit: Paolo Mazzei – Fotomania

Share