BTP Italia 2020: i dettagli dell’emissione di maggio

BTP Italia maggio 2020: dalla cedola alla scadenza, quali i dettagli dell’emissione?

BTP Italia 2020: i dettagli dell'emissione di maggio

BTP Italia 2020: dalla scadenza alla cedola, quali saranno i dettagli, le caratteristiche e le novità dell’emissione del 18 maggio?

Domande lecite alla luce delle ultime comunicazioni del MEF che ha confermato la sua intenzione di collocare il nuovo titolo di Stato indicizzato all’inflazione con l’obiettivo di sostenere e finanziare la sanità e la ripresa economica.

In meno di un mese, i risparmiatori e gli investitori (sia retail che istituzionali) potranno nuovamente mettere le mani sullo strumento tanto atteso. Questa volta però ci saranno delle novità rispetto alle precedenti emissioni e il BTP Italia 2020 avrà come obiettivo specifico quello di combattere il coronavirus. Ma in che modo? La curiosità del mercato su dettagli quali cedola, scadenza e modalità di emissione non ha fatto che aumentare di ora in ora.

BTP Italia 2020: dettagli, indicazioni e novità dal MEF

Già a dicembre scorso, più precisamente il 20 del mese, il Tesoro ha fornito le prime indicazioni in merito ma dello strumento nessuna traccia. Immediate le speculazioni del mercato sulla possibile scadenza del titolo oltre che sulla sua ipotetica cedola.

Nella serata di martedì 14 aprile il MEF è finalmente tornato sull’argomento e in occasione della pubblicazione delle nuove linee guida sul debito pubblico ha fornito i primi dettagli sul BTP Italia 2020 confermando un’emissione entro la fine dell’anno.

Poi, nella tarda serata di giovedì 16 aprile, è arrivata la precisazione: l’emissione del titolo di Stato indicizzato all’inflazione avverrà il prossimo 18 marzo e avrà un obiettivo specifico: quello di sostenere la sanità e la ripresa economica.

La cedola, la scadenza e le altre caratteristiche del BTP Italia 2020 sono finite inevitabilmente e nuovamente sotto i riflettori.

Caratteristiche, scadenza, cedola e altri dettagli

Come confermato inizialmente dal MEF, il BTP Italia 2020 di maggio vanterà le stesse caratteristiche delle emissioni precedenti. Il titolo dunque avrà una cedola minima sulla base della quale verrà poi elaborata una cedola definitiva.

Esso sarà come sempre indicizzato al tasso di inflazione nazionale, e prevederà altresì un rimborso (semestrale) della rivalutazione del capitale oltre che il tradizionale premio fedeltà per gli investitori al dettaglio che decideranno di mantenere il titolo fino alla scadenza.

E proprio su fronte scadenza, questa sarà compresa tra i 4 e gli 8 anni. Sarà il Tesoro a decidere sulla base del contesto di mercato e del livello della domanda.

Il BTP Italia 2020 potrà essere acquistato come sempre sia dagli investitori retail che dagli istituzionali. Entrambi avranno delle giornate dedicate a maggio, definite nel paragrafo successivo.

I titoli saranno scambiati sul MOT, il Mercato Obbligazionario Telematico di Borsa Italiana, esattamente come accaduto in occasione delle precedenti emissioni. Il tutto attraverso attraverso dealers del calibro di Banca IMI S.p.A, BNP Paribas, Monte dei Paschi di Siena Capital Services Banca per le imprese S.p.A, Unicredit S.p.A.

In quali giorni avverrà l’emissione

Come di consueto, anche l’emissione di maggio avverrà in due tranche separate.

  • Da lunedì 18 a mercoledì 20 maggio: fase 1, dedicata agli investitori individuali e affini (il pubblico retail).
  • Giovedì 21 maggio: fase 2, dedicata esclusivamente agli investitori istituzionali.

Le novità del BTP Italia 2020

Come confermato dal MEF e in considerazione dell’attuale contesto particolarmente difficile, per favorire la partecipazione degli investitori per il BTP Italia 2020 non sarà prevista la facoltà di chiusura anticipata.

Il retail dunque avrà tre intere giornate per sottoscrivere il titolo e rimarrà comunque aperto il canale online (“mediante l’opzione del trading-online attivata sul proprio internet banking”).

Le intenzioni del MEF e gli obiettivi del BTP Italia

Nei due comunicati di aprile il Tesoro non ha fornito tutti i dettagli sul BTP Italia 2020. Nessun indizio definitivo è emerso ad esempio sulla cedola e sulla scadenza (quest’ultima comunque compresa tra i 4 e gli 8 anni).

Maggiori indicazioni sul titolo di Stato erano trapelate invece nel testo di dicembre, che aveva dato l’ok all’emissione in considerazione di tre elementi:

  • la necessità di continuare a supportare e proteggere gli investitori retail;
  • la possibilità di reinvestire la liquidità derivante dai due titoli in scadenza (per un tot. di 22,5 miliardi).
  • i risultati del BTP Italia 2019;

L’emissione di maggio 2020 avrà come obiettivo specifico quello di fronteggiare l’emergenza coronavirus. Essa, ha confermato lo stesso MEF:

“sarà interamente dedicata a finanziare le spese dei recenti provvedimenti del Governo a supporto del sistema sanitario, per la salvaguardia del lavoro e a sostegno dell’economia nazionale.”

Tutti gli occhi saranno ora puntati sul prossimo 18 maggio. Non è chiaro al momento quali saranno le caratteristiche definitive del BTP Italia 2020, tra cui la cedola e la scadenza. I dettagli delle operazioni verranno resi noti più in seguito.

Share