BRODETTO DI PESCE IN BRUSCHETTA
vi è mai venuto in mente di fare dei crostoni con un pò di cacciucco o zuppa di pesce o di brodetto di pesce ? Certo che sì, ma per chi non lo ha mai fatto ecco una ricetta che si usava fare a bordo dei pescherecci con pescato di scarto.
Ci vuole almeno due chili di pesce (se non ci fate la bruschetta lo mangerete a zuppa) spigolette, triglie, scorfani, seppie, scampi, gsmberi, cicale, e tutto il pesce da zuppa di stagione che vi darà il pesciaio (ma va bene anche in surgelato, quello surgelato in alto mare intendo) pane casalingo passato in forno e agliato.

In una teglia mettete un bicchiere di aceto e fatelo bollire, unite una cipolla tritata e cuocete una decina di minuti poi aggiungete l’olio fino a rosolarla.

Aggiungete 500 gr di pomodori o più, spappolati con le mani, ma anche pomodori pelati, cuocete per venti minuti, mettete un goccio di vino e fate evaporare, aggiungete tre spicchi d’aglio tritati, un pezzo di buccia di limone, sale e pepe, prezzemolo tritato mettete prima il pesce più duro a cuocere e via via quello più tenero, fate cuocere una ventina di minuti aiutandovi con del brodo di pesce o acqua.

Se lo mangiate a zuppa fatelo riposare prima di servirlo, magari lo riscaldate al momento, insaporisce di più, se ci fate la bruschetta invece togliete ad ogni pesce testa e lische, sbriciolatelo un pò, quindi rimettetelo nel sugo, una bella mescolata poi fate le vostre bruschette col pane passato min forno e agliato.

Le bruchette di pesce si fanno anche con le sole vongole, le arselle, i polpettini e via discorrendo, cucinati come dice questa ricetta o semplicemente cotti in un trito di aglio, prezzemolo con aggiunta di pomodoro e un ciuffo di salvia che dà profumo di mare.
ricetta di ezio lucchesi

Share