FINO AL 31 MARZO NO AI FUOCHI PER BRUCIARE GLI SFALCI

Anche a Borgo a Mozzano entra in vigore il Piano di Azione Comunale

 

 

 

Borgo a Mozzano, 5 novembre 2016 – Anche il Comune di Borgo a Mozzano rientra in quelle amministrazioni chiamate dalla Regione, in attuazione della normativa nazionale e comunitaria, a compiere i passi necessari per tutelare la qualità dell’aria e limitare i livelli di inquinamento.

Dal giugno scorso, infatti, l’ente si è dotato del piano di azione comunale (PAC), un insieme

di misure preventive e d’intervento da attuare per ridurre la presenza di polveri sottili nell’aria

(PM10). La prima ordinanza, di tipo preventivo è stata emanata proprio ieri, venerdì 4 novembre, e vieta fino al 31 marzo 2017 di accendere fuochi all’aperto per bruciare residui di potature, sfalci e qualsiasi materiale di origine vegetale. Nel territorio del comune di Borgo a Mozzano, inserito insieme a Bagni di Lucca nelle cosiddette aree di superamento, gli sforamenti registrati nel periodo 2010-2014 dalla centralina Arpat situata a Fornoli derivano quasi totalmente dalle emissioni prodotte dalla combustione di biomasse, causate dai roghi e dagli impianti di riscaldamento alimentati a legna o a gasolio.

Share