Bollo auto: Franchini, aiuto gratuito per chiarire dubbi su recupero avviato da Regione

 

A Firenze, ufficio aperto e sostegno su rateizzazione ed esenzione. Sono oltre 550mila gli avvisi bonari già inviati per un totale di quasi 102milioni di euro di omessi versamenti

 

 

Firenze – La campagna di recupero del bollo auto sugli anni di imposta 2014-2015 è partita e la Regione ha già inviato 550mila avvisi bonari per un totale di quasi 102 milioni di euro di omessi versamenti. Una cifra considerevole, che potrebbe mettere in difficoltà i cittadini della Toscana. Per venire incontro a legittime richieste di chiarimento su rateizzazione degli importi e, in alcuni casi, esenzione, una nota del Difensore civico toscano, Lucia Franchini, informa che è possibile chiedere “aiuto gratuito” agli uffici regionali chiamando il numero verde 800018488, scrivendo all’indirizzo di posta elettronica  difensorecivico@consiglio.regione.toscana.it, oppure mandando un fax al numero  0552387655.

“In determinate condizioni – si legge nella nota diramata da Franchini – esiste la possibilità di chiedere la rateizzazione dell’importo fino a cinque o dieci anni. È bene inoltre ricordare che da quest’anno sono esenti dal pagamento del bollo i veicoli adattati per il trasporto delle persone disabili, gli invalidi con gravi limitazioni della capacità di deambulazione, i veicoli intestati a familiari di cui tali soggetti sono fiscalmente a carico, gli autoveicoli e i motoveicoli al compimento del 30esimo anno dalla costruzione”. (red)

Share