Bollette Gesam in linea con le direttive dell’Autorità dell’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico (AEEGSI)

 
Interveniamo per fare chiarezza a seguito di una dichiarazione rilasciata alla stampa da una nostra cliente perché pensiamo la fiducia che la signora ci ha fin qui riservato non è solo frutto di correttezza e trasparenza, ma anche di un’azione quotidiana che passa anche attraverso una continua e corretta informazione.
Prima di entrare nel dettaglio, che purtroppo rischia di essere troppo tecnico, vogliamo fugare ogni dubbio: la metodologia e i contenuti di fatturazione sono imposti da una normativa voluta dall’AEEGSI che ha come obiettivo primario di separare ciò che si spende per la materia prima consumata (il gas) da ciò che sono i costi accessori e le imposte. La spesa complessiva, infatti, è generalmente suddivisa in quattro macro voci:
1-Spesa per la materia gas naturale
2- Spesa per il trasporto e la gestione del contatore
3- Spesa per oneri di sistema
4- Imposte
La concorrenza si misura solo sulla prima voce; la seconda e la terza voce sono indipendenti dal fornitore e a parità di consumi DEVONO ESSERE LE STESSE PER QUALUNQUE FORNITORE, le imposte sono ovviamente calcolate come percentuale con aliquota UGUALE PER TUTTI I FORNITORI.
Le voci fatturate sono quelle previste dalla Delibera 501/2014 dell’AEEGSI e quindi senza alcun mistero o opacità. Ci rendiamo conto che le modifiche imposte dall’autorità possono aver procurato qualche perplessità, ma a nostro parere in tal modo si riesce a fare un confronto reale fra fornitori.
Per meglio comprendere qui di seguito sono elencate nel dettaglio le voci previste dalla suddetta delibera:
1- Spesa per la materia gas naturale: è composta da una parte fissa (€/anno) e una parte variabile o a consumo (€/mcubo).
2- Spesa per il trasporto e la gestione del contatore: è relativa ai costi riconosciuti a chi permette di portare il gas dal posto di produzione sino al contatore di casa propria. Questi costi, come detto sono stabiliti dall’AEEGSI.
3- Spesa per oneri di sistema: è relativa alla copertura di costi per attivitàà di interesse generale per il sistema gas. Anche questa è prestabilita dall’AEEGSI e serve a coprire alcune attività come per esempio il “Bonus sociale” che agevola le famiglie più disagiate.
4-Imposte: comprendono le voci relative all’imposta di consumo (accisa), l’addizionale regionale e l’imposta sul valore aggiunto (IVA). L’accisa si applica alla quantità di gas consumato; l’aliquota aumenta se vengono superate determinate soglie di consumo annuo (scaglioni). L’addizionale regionale si applica alla quantità di gas consumato ed è stabilita in modo autonomo da ciascuna regione nei limiti fissati dalla legge.
Non ci stancheremo mai di dare spiegazioni anche più volte sugli stessi argomenti e più volte alle stesse persone, perché siamo convinti che riporre fiducia in un’azienda passa anche attraverso una piena consapevolezza che l’essere cliente di una società è frutto di una scelta voluta perché dall’altra parte c’è disponibilità e altrettanta fiducia.
Per maggiori dettagli invitiamo a visitare il seguente link https://bolletta.autorita.energia.it/bolletta20/ e se necessario a contattarci presso i nostri uffici di viale Europa 1 a Lucca ( 0583-1861201).

Share