BILANCIO POSITIVO PER IL PRIMO ANNO DI ATTIVITA’ DELLA GARANTE DEI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA’ DEL COMUNE, TINA CENTONI

Ieri (mercoledì) ha tenuto una relazione del lavoro svolto in consiglio comunale

Bilancio positivo per il primo anno di attività della Garante dei diritti delle persone con disabilità del Comune di Capannori, Tina Centoni. E’ quanto emerso dalla relazione annuale che la garante ha tenuto ieri (mercoledì) durante la seduta del consiglio comunale. Nonostante l’attività della Garante, nominata il 17 febbraio 2021 dal consiglio comunale, sia iniziata in periodo di pandemia sono state molte le persone che, anche attraverso gli strumenti telematici messi a disposizione dal Comune, si sono rivolte a questo nuovo servizio trovando ascolto alle loro problematiche. Molte richieste hanno riguardato la vaccinazione anti Covid prioritaria non solo per le persone con disabilità, ma anche ai caregiver familiari conviventi e a tutti gli assistenti che gravitano attorno alla persona non autosufficiente e su questo tema la Garante ha inviato una lettera alla Regione Toscana. Altre richieste hanno riguardato la necessità di più parcheggi riservati alle persone con disabilità, l’aumento delle ore di assistenza domiciliare e di assistenza specializzata per alunni, ma anche di case idonee per disabili gravi e per bisogni di supporto sociale e di momenti di socializzazione di persone anziane sole o di minori con gravi patologie fisiche e/o mentali. Richieste per le quali la garante si è attivata per rispondere alle varie esigenze.

Un primo importante risultato dell’attività della garante dei diritti delle persone con disabilità è stata la realizzazione di un opuscolo informativo, in collaborazione con il Comune e l’azienda Usl Toscana Nord Ovest, sui vari benefici e sui servizi cui hanno diritto le persone con disabilità e le loro famiglie.

Dai molti colloqui avuti – spiega Tina Centoni – è emersa chiaramente una insufficiente conoscenza delle normative relative all’acquisizione del riconoscimento della disabilità e degli iter necessari per ottenere i benefici conseguenti. Per questo insieme al Comune e all’azienda sanitaria è stato deciso di realizzare un opuscolo informativo, una guida rivolta a tutte le famiglie con persone con disabilità sui benefici e i servizi di vario tipo ai quali hanno diritto e di cui non tutti sono a conoscenza per agevolarne l’accesso. La piccola pubblicazione nelle prossime settimane sarà presentata sul territorio coinvolgendo famiglie, associazioni e medici di base. Un’iniziativa utile e importante che si è unita ad altre per salvaguardare i diritti delle persone con disabilità durante un anno di lavoro che posso definire proficuo grazie anche all’intensa collaborazione con il Comune e il Tavolo per la disabilità”.

Per andare incontro alle esigenze di supporto psicologico soprattutto per i bambini disabili, nel particolare momento della pandemia è stato attivato, a titolo gratuito, lo sportello “Neuropsicomotricità a portata di click”. Lo sportello si prefigge sia di accogliere le domande dei genitori in merito alle competenze del bambino che gli permettono gradualmente di inserirsi e partecipare nell’ambiente in cui vive, sia di suggerire loro eventuali strategie che possono essere attuate attraverso il gioco.

Nella sua relazione Tina Centoni ha anche spiegato che si è attivata insieme agli altri garanti di altri enti del territorio regionale affinchè la Regione istituisca un garante regionale dei diritti delle persone con disabilità. La Garante ha poi spiegato di essere affiancata da un gruppo di volontari – tra cui l’avvocato Giovanni Mastria, che è già intervenuto per risolvere alcuni conflitti fra leggi regionali e comunali- con il quale sono state state individuate nuove progettualità. Tra queste la realizzazione di una mappatura dei bisogni delle persone con disabilità per poi realizzare progetti specifici e la messa in rete di iniziative ed attività, rivolte alle persone con disabilità proposte dalle varie associazioni e realtà del territorio anche al fine di coordinarle e renderle più fruibili.

Siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti dalla Garante durante il suo primo anno di attività – afferma l’assessore alla disabilità, Serena Frediani -. Un lavoro che è stato portato avanti facendo rete con il Comune e con il Tavolo per la disabilità con un’attività di continuo confronto. Il nostro è stato il primo Comune della Provincia ad aver istituito questa importante figura di garanzia, grazie anche alla sensibilità di tutto il consiglio comunale che all’unanimità ha approvato l’istituzione di questa figura. Crediamo adesso importante che, oltre all’istituzione di un garante regionale sia istituito anche un garante per la Piana di Lucca e per questo stiamo lavorando. Ringrazio Tina Centoni per l’impegno, la competenza e la passione con cui sta portando avanti il suo lavoro”.

Share