Si avvia alla conclusione la kermesse dedicata al contrabbasso. Ecco i concerti di sabato 4 agosto

BASS2018LUCCA – SUONI E LUCI IN SAN MICHELE E IL JAZZ DI GIOVANNI TOMMASO A PALAZZO PFANNER

Sarà un sabato ricco di eventi quello del Bass2018Lucca che domani (4 agosto) sfoggerà ancora un paio di gioielli di grande valore. Alle 20 all’auditorium dell’Istituto “L. Boccherini” il contrabbassista Petru Iuga accompagnerà il pubblico in un curioso viaggio alla scoperta dei rapporti – talvolta strettissimi e sorprendenti – tra la musica popolare e la musica classica.

 

La serata proseguirà poi all’aperto, in piazza San Michele, dove alle 21:20 si terrà un suggestivo spettacolo fatto di suoni e luci. Protagoniste saranno la musica del compositore e musicista spagnolo Simón García eseguita da alcuni tra i migliori contrabbassisti del mondo e la splendida piazza San Michele, dove Martinelli Luce allestirà delle sue lampade più belle per creare un’atmosfera ancora più suggestiva. Sul palco saliranno lo stesso Simón García, Gabriele Ragghianti, Alberto Bocini, Diego Zecharies, Volkan Orhon, Dan Styffe, Adam Booker, Hagai Bilitzky, David Desimpelaere, Andrea Pighi, Andrés Martín, David Heyes, Dritan Gani, Manuela Uhlmann, Petru Luga, Lloyd Goldstein, Jonathan Camps, Jimmi Roger Pedersen, Donovan Stokes. Con loro il soprano Sarah Poole, guest star della serata.

 

Anche la giornata di sabato si concluderà all’insegna del jazz a Palazzo Pfanner dove alle22:40 è previsto un eccezionale concerto per celebrare i 60 anni di carriera di Giovanni Tommaso, il contrabbassista, compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra lucchese che ha iniziato la sua carriera jazzistica con l’indimenticato “Quartetto di Lucca” per poi arrivare a collaborare con prestigiosi gruppi come Weather Report e Mahavishnu e solisti quali Sonny Rollins, Dexter Gordon, Gil Evans, Chet Baker, Kenny Clarke e molti altri. Autore di numerose colonne sonore per il cinema e per la televisione, Tommaso è considerato un talent scout, in quanto del suo Quintetto in passato hanno fatto parte alcuni tra i migliori jazzisti italiani quali Massimo Urbani, Paolo Fresu, Danilo Rea e Roberto Gatto.

Sul palco allestito nel giardino di Palazzo Pfanner Tommaso salirà assieme a Furio Di Castri al contrabbasso, Bernardo Guerra alla batteria e Alessandro Lanzoni al pianoforte.

 

Share