IL 26 OTTOBRE – Sculture sospese nel nulla che volano solitarie sopra Marina di Pietrasanta, zebre perfettamente a loro agio nella Chiesa di Sant’Agostino, creature che mutano di continuo luogo e direzione, vagabonde, indipendenti, eppure apparentemente integrate in ambienti diversi, erratiche… Erratico è appunto il titolo della mostra di Bart Herreman e Umberto Cavenago, che si apre in questa stagione autunnale e invernale in Piazza del Duomo e nella Chiesa e Chiostro di Sant’Agostino, con opere di entrambi gli artisti pensate e concepite ad hoc per Pietrasanta, in una riscoperta di luoghi e situazioni talvolta surrealiste, altre volte oniriche, dove il presentato fa intravvedere l’oltre, ciò che non si vede, ma che si immagina. In spazi noti ma rivisitati, le architetture e le dimensioni si ampliano verso l’infinito, trasportando sia la scultura che la fotografia erraticamente in luoghi altri da noi, ma condivisibilmente plausibili.

Ringraziamo sentitamente Bart Herreman e Umberto Cavenago per offrirci l’occasione di sentirci anche noi spettatori protagonisti e venire trasportati in mondi e situazioni diverse, grazie alle loro opere, che invece saldamente rimangono a Pietrasanta a fare bella mostra di sé; Mauro Daniele Lucchesi dell’Associazione Quattro Coronati per aver reso possibile questa erratica mostra e Alessandro Romanini per il suo apporto critico.
Certi del successo di critica e di pubblico per questa nuova spettacolare esposizione, siamo orgogliosi che Pietrasanta, una volta di più, si renda interprete di linguaggi artistici diversi, pensati e creati appositamente in e per questo territorio, culla e matrice delle arti e dell’artigianato artistico.

Sen. Massimo Mallegni
Assessore ai Beni e alle Attività Culturali

Alberto Stefano Giovannetti
Sindaco

Share