Barga vuol entrare nella riserva dell’Appennino Tosco-Emiliano

BARGA – In una partecipata assemblea pubblica svoltasi nell’aula magna “Carradini” a Barga, è stato presentato il progetto che vuole realizzare il comune di Barga: entrare a far parte con il suo territorio della riserva MAB (Man and Biosphere) dell’Appennino Tosco-Emiliano.

 

Il programma MAB, al suo interno include le Riserve della Biosfera, che mirano a coinvolgere le comunità locali e sono esempi di buone pratiche per lo sviluppo sostenibile e per l’interazione tra sistema sociale e sistema ecologico. Tra queste quella dell’Appennino Tosco Emiliano che nasce nel 2015 e che si estende a 34 comuni dell’Appennino tra Emilia Romagna e Toscana. A riflettere sull’adesione di Barga al progetto è stato Fausto Giovannelli, presidente del Parco Appennino Tosco-Emiliano. Secondo il sindaco Caterina Campani è un progetto che rappresenta una grande opportunità per Barga. L’assessore all’ambiente Francesca Romagnoli ha poi illustrato il percorso per l’ingresso di Barga i primi passaggi il massimo coinvolgimento del territorio attraverso una serie di incontri; poi lo sviluppo dell’idea di quello che si vorrà realizzare. Solo dopo, si parla del 2020, l’ufficializzazione della candidatura che dovrà passare all’approvazione del consiglio comunale.

Share