BACCALA’ ALLA GRIGLIA

Dopo aver tenuto a bagno il baccalà per tre giorni con un filo d’acqua corrente tagliatelo a pezzi e asciugatelo.
Mettetelo in un recipiente e fate una mainata con aglio, rosmarino e olio evo, massaggiatelo copritelo e mettetelo in frigo minimo tre ore, poi preparate il vostro caminetto e quando avrete braci sufficienti a cuocere ungete bene la griglia mettete il baccalà e fate cuocere da ambo i lati.

Le ricette che trovate vi diranno 5 minuti per parte, io invece cucino di più con la parte della pelle vicino al fuoco, durante la cottura spennellate con olio, non usate sale la pietanza è già saporita di suo, poi posatelo in un vassoio, irroratelo con olio nuovo, pizzichino, che sia di San Gennaro, Matraia o di Petrognano piuttosto che di Colle di Compito o di Moriano l’importante è che sia di contadino e rosmarino e a chi piace anche un pò d’aglio.
Per chi non ha il caminetto lo può fare con ottimi risultati su una piastra di ghisa o sulla pietra.

Assieme ceci cotti a fuoco lento con aglio, rosmarino e conditi sempre come il baccalà, in tavola non può mancare la bruschetta condita con olio nuovo, la boccia dell’olio e il pepe.
FONTE EZIO LUCCHESI

Share