L’Australia continua a bruciare negli incendi disseminati sull’isola, e con essa un ecosistema unico al mondo. Inenarrabile la sofferenza inflitta agli animali, così come il dolore per la morte di troppe persone che si sono trovate coinvolte, loro malgrado, negli incendi o mentre erano intente ad arginare questo disastro di proporzioni bibliche. Le immagini che giungono spezzano il cuore. Gara di solidarietà da parte delle celebrità del panorama internazionale, consapevoli che un simile danno ambientale, purtroppo, riguarda l’intera umanità. L’ultimo a proporsi, dopo Nicole Kidman, Elton John e Kylie Minogue, i quali hanno offerto 500.000 dollari ciascuno, è stato il portiere australiano del Brighton, Mathew Ryan, che offrirà 500 dollari australiani, circa 300 euro, per ogni parata compiuta dai portieri di Premier League, al prossimo turno di campionato.

L’ultimo report sul bilancio di questa catastrofe riporta 26 vittime, almeno duemila case distrutte e circa 80 mila chilometri quadrati andati in fumo.

Il fuoco viaggia ad una velocità di circa 22 Km/h, con muri di fiamme alti anche 70 metri. Per quanto riguarda le cause sono stati compiuti, dalle autorità locali, almeno 183 arresti, ma i roghi continuano a moltiplicarsi a causa del fatto che i fumi dei roghi attivi, intensificano il fenomeno dei fulmini in una stagione molto secca, in cui ci sono picchi delle temperature che sfiorano i 46/47°C.

Ci sono alcuni abitanti della Versilia, in Australia, che ci hanno fatto avere diverse testimonianze su come si sta evolvendo il dramma, che ricordiamo, ha avuto inizio a settembre scorso. E’ il caso di una studentessa di Forte dei Marmi, Camilla Cenci Campani, che da qualche anno vive e lavora a Sydney. Camilla riferisce che ci sono stati giorni in cui c’era una nebbia talmente fitta da non riuscire a vedere nemmeno il mare a Bondi Beach, l’aria era irrespirabile e il sole, al tramonto, sembrava davvero una palla di fuoco. Ciò nonostante, la situazione piu’ critica si registra nello Stato di Victoria e nel NSW, con danni incalcolabili.

 

Share