62-alberto-baccini-sindaco-porcari

Il sindaco di Porcari  Alberto Baccini, diffonde in una nota il sul parere relativo al dibattito  sugli assi viari.

“Suggerisco agli amici Alessandro Tambellini e Luca Menesini di sedersi ad un tavolo cambiando però il tipo di bevanda: eviterei il caffè ed opterei per una più docile camomilla!

Battute a parte stiamo attenti a non mettere nuovamente in discussione tutto quanto con proposte di modifica che possono stravolgere il progetto complessivo degli assi viari annullando di fatto il lavoro svolto fino ad oggi.

Non si deve infatti dimenticare che secondo quanto stabilito nell’adunanza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici del 22/01/2016 è stato stabilito che il progetto relativo al nuovo sistema tangenziale della viabilità nella Piana di Lucca raggiunge efficacemente l’obbiettivo di allontanare i flussi veicolari, soprattutto merci, dalle aree urbane in generale e dai centri storici in particolare. L’assemblea aveva ritenuto condivisibile la finalità dell’intervento, frutto fra l’altro di una significativa concertazione fra gli Enti territoriali coinvolti e successivo anche all’inchiesta pubblica promossa dalla Provincia.

E’ del tutto chiaro quindi che una volta evidenziate le prescrizioni e le raccomandazioni negli atti richiamati e che dovranno essere recepite in sede di redazione del progetto definitivo da parte del CIPE, bisognerà passare senza esitazioni alla immediata apertura dei cantieri per un’opera attesa da decenni.

Continuare a discutere pubblicamente fra di noi inventandoci una novità tutti i giorni serve solo a dare una impressione negativa sulla reale volontà di arrivare alla soluzione del vero problema che interessa ai cittadini della lucchesia: l’autentico miglioramento qualitativo della loro capacità di muoversi sul territorio.

Invito tutti, quindi, a farsi carico delle proprie responsabilità senza passi indietro ma anche senza fughe in avanti nella chiarezza dei ruoli di ciascuno ed a maggior ragione di coloro i quali hanno la responsabilità di rappresentare anche gli altri”.

Share