Realizzata grazie anche al perfezionamento del sistema software

di controllo utilizzato dall’azienda

Ascit restituirà a 1.169 utenze capannoresi una somma complessiva pari a 440 mila euro, mentre dovrà riscuotere 190 mila euro da 481 utenze.

Questo il risultato emerso dalla consueta analisi periodica compiuta da Ascit per verificare la regolare fatturazione dei conferimenti e degli svuotamenti che ha determinato la necessità di una rettifica del conguaglio 2013-2014 della tariffa dei rifiuti con l’emissione di note di credito e note di debito.

Un’azione resa possibile anche grazie al perfezionamento del sistema software di controllo utilizzato dall’azienda che consentirà di ridurre pressoché a zero le incongruenze relative a svuotamenti e conferimenti.

Più nel dettaglio, questa rettifica, che tiene conto anche della comunicazione tardiva da parte degli utenti di inizio o cessazione di attività, della variazione del nucleo familiare o dei metri quadrati a disposizione, vedrà l’emissione di note di credito per 496 utenze domestiche e 673 utenze non domestiche e di note di debito per 329 utenze domestiche e 152 utenze non domestiche su un totale di 20.400 utenze.

I dati sono stati resi noti stamani (lunedì) dall’assessore all’ambiente Matteo Francesconi e dal presidente di Ascit Maurizio Gatti.

Ritengo importante affinare sempre più il sistema di controllo in modo da evitare eventuali incongruità tra quanto conferito e quanto pagato – sostiene il presidente di Ascit, Maurizio Gatti -. Abbiamo voluto acquisire un sistema software più performante e all’avanguardia in grado, in pratica, di azzerare possibili inesattezze e ricontrollare anche i primi due anni di attività di tariffazione puntuale, che è stata comunque una fase di rodaggio del nuovo sistema. Un’altra buona pratica di Ascit che ha voluto autocontrollarsi ed autocorreggersi per essere equa nei confronti di cittadini ed aziende”.

Non posso che confermare la bontà dell’impianto tariffario – afferma l’assessore all’ambiente, Matteo Francesconi -. La tariffazione puntuale è infatti attualmente l’unico strumento che permette un sistema equo di tariffazione, come è dimostrato anche dal fatto che molti comuni virtuosi italiani si stanno dotando di questo sistema che consente di misurare con la maggiore precisione possibile quanti rifiuti vengono realmente prodotti da cittadini e aziende. E’ importante il perfezionamento del sistema di controllo attuato da Ascit perché mira a fornire un servizio di sempre maggiore qualità a tutela di cittadini e aziende”.

Le note di credito e di debito saranno emesse da Ascit entro la fine di luglio. Le note di credito compenseranno gli eventuali debiti pregressi dell’utenza e saranno comunque corrisposte con la bolletta di ottobre.

Per quanto riguarda le note di debito gli importi dovranno essere versati all’azienda entro il prossimo 15 settembre. E’ prevista la rateizzazione in tre tranche (15 settembre, 15 novembre, 15 dicembre) per le utenze domestiche con nota di debito superiore a 100 euro e le per utenze non domestiche con nota di debito superiore a 1,000 euro.

Share