Aver corso nella vita, aver praticato jogging per piacere e per mantenersi in forma non sembrerebbe essere un fattore di rischio di artrosi. È la conclusione di uno studio realizzato da scienziati provenienti da diversi centri di ricerca degli Stati Uniti e pubblicato sulla rivista Arthritis Care & Research.

Dunque la corsa non è una possibile causa scatenante dell’artrosi. Questo è il risultato di uno studio retrospettivo condotto su 2637 partecipanti (poco più della metà erano donne) di età media pari a 64 anni. Un terzo dei partecipanti aveva corso per alcuni periodi negli anni precedenti lo studio.

La corsa è uno dei diversi modi con cui fare attività fisica aerobica regolare e beneficiarne in termini di salute generale. Ma quali effetti può avere il jogging sulla salute delle ginocchia? C’è una relazione tra corsa, dolore alle ginocchia e artrosi?

Ebbene, i ricercatori hanno concluso non correlando questa condizione degenerativa cronica delle articolazioni con la corsa: fra i corridori non è stato registrato un aumentato rischio diartrosi al ginocchio rispetto ai non corridori.

«Sebbene non sia uno studio conclusivo, i risultati sono incoraggianti: la corsa non sarebbe classificabile come fattore di rischio di artrosi alle ginocchia», commenta il professor Carlo Selmi, responsabile di Reumatologia e immunologia clinica dell’ospedale Humanitas e docente all’Università di Milano. «È ormai sempre più evidente che, per l’attività fisica, i benefici superino i possibili rischi, sempre che sia fatta in modo corretto e armonioso. Anche la corsa sembrerebbe essere non dannosa per le articolazioni. Praticarla può aiutare a mantenere un peso corporeo nella norma, e sappiamo che sovrappeso e obesità sono tra i principali fattori di rischio per l’artrosi al ginocchio, ma non solo. Tutte le articolazioni soffrono se i chili sono di troppo, persino quelle degli arti superiori».

Età, sovrappeso e obesità fattori di rischio di artrosi

Pertanto prevenire l’artrosi è possibile, basta mantenere uno stile di vita sano, «fatto di controllo del peso, attività fisica costante e alimentazione equilibrata», conclude il professor Selmi.

Proprio il peso, se in eccesso, potrebbe giocare a sfavore e aumentare il rischio di artrosi alginocchio, come spiega il dottor Piero Volpi, responsabile di Ortopedia del ginocchio e traumatologia dello sport dell’ospedale Humanitas: «L’affermazione per cui la corsa non favorirebbe l’artrosi può tendenzialmente essere accettata. Tuttavia bisogna considerare tre elementi che possono interferire in questa relazione e alzare il rischio: sono l’età, l’intensità dell’attività fisica e, appunto, il peso corporeo».

«Bisogna guardare infatti all’esposizione, ovvero al tempo che una persona passa correndo: farlo per un’ora tutti i giorni o allenarsi per una maratona è diverso che fare jogging tre volte a settimana per 20 minuti. Inoltre il sovrappeso, e a maggior ragione l’obesità, possono aumentare il carico sulle articolazioni e far salire il rischio di artrosi. Infine l’età: dopo i 50 anni si dovrebbe pensare di abbandonare la corsa per attività aerobiche meno impattanti come la bicicletta o lo sci di fondo», spiega il dottor Volpi.

Quali sport possono aumentare il rischio di artrosi alle ginocchia?

«Tutti gli sport traumatici, dal calcetto al basket dalla pallavolo allo sci, ma anche le attività che richiedono maggiore esplosività, come il salto», conclude lo specialista.

FONTE

Share