Arrestato il terzo componente della banda Sinti

LUCCA – I Carabinieri del Comando Provinciale di Lucca hanno arrestato un altro componente della banda di etnia sinti responsabile di rapina ed alcune decine di furti consumati a Lucca, Capannori, Altopascio, Querceta, Massarosa, Pescaglia, che si è presentato spontaneamente in carcere. Si tratta di Alessandro Bini, 32 anni, pregiudicato, il terzo dei soggetti che, travisati da passamontagna, il 12 gennaio scorso entrarono all’interno dell’oreficeria “Aldo gioielli” di Lucca,

-fontenoitv

sinti

I malviventi ammanettarono il titolare al bancone posto sul retro, colpendolo ripetutamente con pugni e col calcio di una pistola ed impossessandosi di preziosi per un valore di circa 60mila euro. Per tale efferata rapina, analogo provvedimento d’arresto nei giorni scorsi è stato eseguito nei confronti degli altri autori: Domenico Tarantino, Clei Satori, del fratello gemello Cesare Satori e del nipote e del nipote Daniel Di Leo. Salgono così a 11 le misure restrittive applicate, di cui 9 relative a soggetti tratti in arresto e 2 sottoposti all’obbligo di presentazione alla P.G., nell’ambito dell’operazione ”NON STOP”

Share