ARNI, PAESE ABBANDONATO, ISOLATO DA SETTIMANEChiesa di Arni r

 

Stazzema_ Le questioni più urgenti sono le due telefonie: fissa e mobile.

Sono circa 2 anni che va avanti la storia dei disservizi continui ed i cittadini sono stufi delle solite promesse di risoluzione.

Chi di dovere sa ma nulla si risolve.

La telefonia fissa è un disastro perché troppo spesso guasta. Nel periodo invernale ogni mese si verificano disservizi,con tempistiche abbastanza importanti che variano da 10 giorni a 1 mese e più..

Ad oggi una relazione tecnica della ditta Site di Lucca addetta alla manutenzione della centrale di Arni riporta: Scheda/blocchetto porte da sostituire perché non ha più spazio x nuove utenze o eventuali sostituzioni per guasto. Ciò significa che nessuno può richiedere il servizio e se ci dovesse essere un nuovo guasto, al mal capitato non rimane altro che rimanere senza a tempo indeterminato.

Ci sono utenze sfortunate che a oggi sono più di un mese in attesa della suddetta sostituzione..

Per quanto riguarda la Linea mobile, dopo il nuovo intervento La Wind ha subito un peggioramento importante, sia in comunicazione che linea dati

Naturalmente il disservizio comporta non solo difficoltà quotidiane nel contatto con familiari e parenti ma anche pericoli e rischi per quanto riguarda la salute e la sicurezza dei cittadini che in caso di difficoltà rischiano di non  essere tutelati e soccorsi in tempo.

Naturalmente la frazione di Arni, dislocata geograficamente in zona periferica e distante al centro comunale già deve fare i conti con i rischi che intercorrono con le frane sulle strade provinciali di collegamento. Ma questo non basta.

Purtroppo Il cimitero sta cadendo letteralmente a pezzi: basta vedere le colonne di entrata dove non c è più l’intonaco, le canale per la pioggia rotte e in certi punti inesistenti,così che inevitabilmente piove e sgocciola dove non dovrebbe..

La fermata dell’autobus situata nel piazzale di località Menchi verte in condizioni pietose: la panchina in legno coperta per aspettare il servizio è completamente inutilizzabile perché quasi del tutto crollata.

Capiamo benissimo che la campagna elettorale ormai è terminata da mesi e le promesse di attenzione e rilancio del paese da parte dell’amministrazione si rivelano (per l ennesima volta) vane, ma qua stiamo parlando di anime, di persone, di famiglie che in alcuni casi risultano isolate sia telefonicamente sia infrastrutturalmente.

Arni è un punto nevralgico anche per il servizio cave, e alla sicurezza dei cittadini si aggiunge quella di molti eroici operai e dipendenti che ogni giorno affrontano i rischi delle cave.

Delle promesse di rilanciare la frazione partendo dallo stabile di 3 Fiumi più niente, ennesima aria fritta, ennesima delusione amministrativa, ma qua non siamo allo stadio dove si deve fare il tifo per una o per l altra squadra, qua si deve fare quadrato e pensare di risolvere i problemi per la salute dei cittadini che si è deciso di rappresentare.

L’amministrazione intervenga concretamente per risolvere l’isolamento telefonico prima che sia troppo tardi!

Cordialmente

Consigliere Giovanni Boccoli, Gruppo Stazzema 360°

Share