il 30 gennaio per la prima volta con questa facile escursione itinerante, si porta a conoscenza del mistero che unisce questi  Templi della Cristianità Lucchese fatti realizzare da Matilde di Canossa con il Dio Silvano (il signore della selva) appartenente alla sfera pagana. Matilde si considerava una messaggera divina  e oggi grazie al suo operato è sepolta all’interno della Basilica di S. Pietro. L’origine della sua famiglia risiede nel contado Lucchese con Sigifredo di stirpe Longobarda, Matilde è sempre stata vicina al popolo e meno ai cittadini, porta nel suo stemma un cane (lo ha come attributo anche il Dio Silvano). Questo Dio pagano è presente all’esterno di questi Templi in varie forme ma sempre con la presenza del pennato (chiamato anche roncola o falcetto ), uno strumento-simbolo giunto fino a noi oggi come eredità del popolo Etrusco che era presente in tutta la vasta area del fiume Serchio. Le Alpi Apuane che si trovano alla destra orografica di questo fiume, possiedono una peculiarità unica nel panorama mondiale delle incisioni rupestri con la presenza di oltre 500 lame pennate incise sulle sue rocce e proprio il giorno 30 gennaio come anche l’11 novembre che è dedicato a S. Martino, avviene la manifestazione del doppio tramonto del Sole nel monte Forato visibile dal Duomo di ….. (uno dei Templi del Dio Silvano ) la cui luce serale entra e illumina direttamente sull’altare S. Cristoforo, questo era un segno per tutto il popolo della Garfagnana, in cui dal 11 novembre l’accesso alle selve sia comunali che private era libero per tutti, compreso gli animali.

Scarica la scheda escursione dettagliata

Per informazioni 3381399107

         Stefano Pucci

Share