Aprile è il mese in cui torna il cuculo, il re del bosco, che ricomincia a far sentire il suo canto.

 

 

 

 

 


L’arrivo del cuculo, dopo la migrazione invernale, segnava una data importante per i lavori di campagna, come dice il proverbio: “Quand e’ chenta e’ còch, u j’è da fè d’impartott. ” ( Quando canta il cuculo c’è da fare dappertutto)


In Romagna, dal numero dei suoi versi, le ragazze traevano pronostici su quanti anni mancavano al matrimonio, e i vecchi quanti ne mancavano alla morte.Una tradizione vuole che la prima volta che si sente cantare il cuculo, si debbano avere degli spiccioli in tasca: non averne non è un segno favorevole alla futura prosperità.

 

la campagna appena ieri

Share