Terzo sabato e domenica del mese e tradizionale appuntamento con l’Antiquariato a Lucca. Una volta una piazza “forte” per tutta la variegata e pittoresca carovana degli ambulanti di questo settore così speciale. A volte veri e propri professionisti, con alle spalle negozi e magazzini prestigiosi, adattatisi alla “piazza” un po’ per passione, un po’ per la moda che, venuta dall’estero, ha preso ad iniziare dagli anni ’50 anche l’Italia che fino ad allora salvo eccezioni, trattava l’antiquariato esclusivamente e riservatamente in negozi di solito situati in via particolari del centro storico. A volte, piccoli imprenditori, spesso improvvisati, che fanno (o meglio facevano) questo come riempitivo o seconda professione.

Dicevano di Lucca, che in quanto a longevità è uno dei primi (si dice addirittura il secondo in Italia, come nascita) e dei più importanti, ma che segna il passo già da qualche tempo. Non sono più 220 ed oltre gli espositori, falcidiati dalla crisi, dal costo del suolo pubblico e dalla burocrazia che alla spunta (cioè all’assegnazione dei posti al mattino presto) pretende adesso addirittura il Durc (certificato di regolarità contributiva di un’impresa nei pagamenti e negli adempimenti previdenziali, assistenziali e assicurativi, nonché in tutti gli obblighi previsti dalla normativa vigente nei confronti di Inps, Inail…) che con i tempi che corrono e con una piazza che con gli acquisti non risponde certo come dieci o vent’anni fa, vede molti rinunciare.

Così, ad esempio in questa domenica, complice anche la calura che ha spinto venditori e compratori verso il mare con un anticipo di stagione estiva, non c’erano espositori in Piazza Bernardini, una volta stracolma. Vuota anche la piazzetta a metà via del Battistero e la stessa via principe degli Antiquari, che mostrava molti posti vuoti. Si avverte poi uno scadimento anche nella qualità degli oggetti e l’entrata di più di un banchetto (ad esempio di vestiti usati) non proprio congruo con l’Antiquariato, forse fatto entrare per far numero.

 

foto 4-1

foto 3-3

foto 3-4

foto 4

foto 2

 

foto 3-2

foto 1

foto 5-1

 

foto 3

 

foto 5

 

 

foto 1-1

Share