Durante il confronto promosso da “Il Tirreno” la destra becera che sostiene Santini ha inscenato cori da stadio, offese ed insulti organizzati nei miei confronti, soltanto perché stavo esprimendo valori e visioni diverse dalle loro.

Uscendo dall’auditorium ho visto due persone delle quali ho grande stima, Stefano Bruzzesi, responsabile Enti Locali del PD regionale e Mimmo D’Alessandro, e ho sentito la necessità di condividere con loro l’amarezza per quanto successo nel corso del dibattito, sapendo che da persone in gamba quali sono avrebbero capito il mio stato d’animo.

L’amarezza provata nasce non tanto per gli insulti rivolti alla mia persona, ma per il clima di odio con il quale la destra sta tentando di avvelenare gli ultimi giorni di campagna elettorale e che non appartiene alla tradizione democratica e moderata della nostra città. Questa è una deriva alla quale mi oppongo e mi opporrò sempre. Oggi come domani per difendere i valori che caratterizzano la nostra Lucca.

Adesso, i soliti beceri della destra di Santini, vorrebbero far credere ai cittadini che il sottoscritto ce l’aveva con D’Alessandro.

Falso.

Assolutamente falso.

Non ne avevo motivo ieri sera, non ne ho motivo in generale.

Ricorderei a tutti che sono il primo Sindaco di Lucca che ha fatto un accordo pluriennale perché non ci fossero più dubbi sul fatto che il Summer Festival è una grande manifestazione di Lucca e che qui deve svolgersi. Sono, infatti, il Sindaco che ha lavorato con la Soprintendenza perché i Rolling Stones possano suonare sulle Mura a settembre.

Ho stima di Mimmo e del suo lavoro e approfitto di queste falsità messe in giro dalla destra di Santini per ribadire che il Summer Festival è una delle manifestazioni chiave della città e che tale con noi resterà.

Viva il Summer, viva la musica!

#tambellinisindaco
#ivostrinsultinoncifermeranno

Share