Si è svolta a Viareggio domenica 21 febbraio la II prova del campionato di specialità FGI di ginnastica ritmica , gara decisiva per definire le 4 ginnaste per ogni attrezzo che avrebbero conquistato il pass per la fase interregionale.

Tantissime società prestigiose in gara con ginnaste di altissimo livello tecnico hanno partecipato alla manifestazione organizzata magistralmente dalla società Motto di Viareggio .

Grande la prova di carattere di tutte le ginnaste di ALBACHIARA che tenendosi per mano e facendosi forza una con l’altra realizzano un risultato inimmaginabile .

La prima a scendere in pedana in ordine cronologico è stata Elena Bertolini che all’esordio stupisce raggiungendo la settima posizione in classifica con il cerchio e la decima alle clavette .

Grande cuore e determinazione con l’esercizio alla palla per Irene Bugelli che strappa un 11.950 e conquista la quinta posizione, seguita a ruota dalla piccola Alice Serafini che alla prima competizione nelle junior fa subito parlare di se raggiungendo, in una gara di giganti, una incredibile  sesta posizione . 

Ma a lasciare il segno e a strappare il primo pass per la società lucchese è la biondissima Marianna Vitali che sulle note di un toccante pianoforte regala con estrema grazia una performance quasi impeccabile alla palla e con 12.150 strappa un grandissimo bronzo .

Ma è lei ancora lei a far parlare di se la Frizzantissima Caterina Petri che con due prove impeccabili conquista il bronzo con il cerchio 13.200 e l’argento con l’ esercizio al nastro strappando così due pass interregionali .

Ottima anche la prova del capitano rosa nero Margherita Quilici che con fune  e clavette centra 2 bronzi impensabili nella categoria senior.

 

” Sono orgogliosa e soddisfatta delle mie ginnaste dietro a questi grandissimi risultati ci sono anni di sacrifici allenamenti rinunce .Ma c’è di più, c’è una componente mentale importante dietro ad ogni prova e gestire a livello emotivo, una competizione così importante, è difficilissimo; Marianna esce da un grande infortunio dal quale si è quasi ripresa del tutto ma non giocava sicuramente di un ottimale stato di forma , Caterina aveva su di se una grande pressione dovuta alla storica impresa del 2015, essendosi qualificata nelle migliori 15 ginnaste di tutta Italia subiva la paura di deludere tutte le aspettative che contrastavano con il grandissimo lavoro grinta e voglia di dimostrare di esserne all’altezza .
Applausi alla determinazione di Margherita Quilici che ogni volta sorprende non solo tecnicamente ma soprattutto per l’esempio sportivo e ci insegna sempre che è la passione e la dedizione che si mette ne fare ciò che si fa che fa la differenza e di non mollare mai fino alla fine con grande cuore Margherita anche oggi dopo la grande delusione dello scorso anno reagisce e conquista un grandissimo risultato e rende orgogliosa tutta la società a dimostrazione che oltre alle doti fisiche, che ovviamente sono importanti, c’è una passione e un cuore e un impegno che se ci si crede portano a raggiungere risultati straordinari e gestire la pressione con così grande determinazione.

Durante questi anni ci sono stati grandi delusioni a cui loro hanno saputo sempre reagire e non mollare come invece sarebbe stato più facile fare.

Hanno lottato duramente ma non ce l’avrebbero mai fatta da sole, questo voglio sottolineare, lo spirito di gruppo l’unione gli sguardi di intesa vincere è importante ma non è lo stesso se non lo si fa insieme, lo spirito di aggregazione, rispetto, fiducia e l’aiuto reciproco ecco perché sono fiera di loro e questo è il messaggio che ALBACHIARA vuole lanciare. Se non fossimo così unite tutto questo non sarebbe stato possibile .

Ora ci aspettano le finali interregionali che si disputeranno il 12-13 marzo per strappare un pass nazionale e i nostri istruttori Sarà Puzo Elisabetta Manjani e Agnese Rugani lavoreranno per cercare di spingersi sempre più in alto “

Share