AL VIA L’ATTIVITA’ LUDICO MOTORIA IN QUATTRO SCUOLE DELL’INFANZIA DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAPANNORI

L’importante progetto promosso dall’associazione Slurp e dal Comune interessa 350 bambini dai 3 ai 6 anni

Promuovere l’attività ludico motoria nelle scuole dell’infanzia. Questa l’importante finalità del nuovo progetto ‘Il Corpo e il Movimento’ promosso dall’associazione ‘Slurp’ di cui fanno parte Soroptimist, Lions ‘Le Mura’ e Lions “ Lucca Host, Unione veterani dello sport, Rotary Club e Panathlon International Club Lucca, con la collaborazione e il contributo del Comune di Capannori che sta per prendere il via nelle quattro scuole dell’infanzia dell’istituto comprensivo di Capannori, dopo che lo scorso anno è stato sperimentato con successo alla scuola dell’infanzia di Lunata.

Il progetto interessa circa 350 bambini dai 3 ai 6 anni che frequentano le scuole dell’infanzia di Capannori, Lunata, Carraia e Colognora e prevede lo svolgimento della pratica ludico- motoria per due volte a settimana fino alla fine dell’anno scolastico per insegnare ai più piccoli l’importanza del movimento per il proprio benessere psico-fisico.

Si tratta di un progetto educativo molto importante che è stato realizzato accogliendo anche le esigenze manifestate dal mondo scolastico, affinchè l’educazione motoria sia un’attività che, svolta principalmente in chiave di gioco vista l’età dei partecipanti, possa essere praticata dai bambini già alla scuola dell’infanzia e non solo a partire dalla scuola primaria – spiegano l’assessore allo sport Serena Frediani e l’assessore alla scuola Francesco Cecchetti -. Riteniamo infatti molto utile che già nella fascia di età 3-6 anni i bambini possano sperimentare i benefici dell’attività motoria così importante per il benessere psico-fisico e per un sano stile di vita, oltre che per la socialità”.

La pratica di attività motoria si svolgerà con esercizi finalizzati ad insegnare in particolare, il coordinamento, le posture corrette, l’equilibrio e nel complesso è volta anche a migliorare l’autostima, l’autoefficacia e l’inclusione sociale favorendo così il bambino nella sua crescita globale.

Share