Agorà della Scienza parla di unità e diversità umana con il genetista Giovanni Destro Bisol e l’etnopsichiatra Piero Coppo

A conclusione del quarto anno di attività, sabato 14 dicembre alle ore 17:30 “Agorà della scienza” propone nell’auditorium della Biblioteca Civica (piazza dei Servi) un incontro dal titolo “Conversazione a due voci su identità culturale, unità e diversità umana”: un confronto fra il genetista Giovanni Destro Bisol dell’Università “La Sapienza” di Roma e l’etnopsichiatra Piero Coppo dell’Università “Ca’ Foscari” di Venezia.

L’evento approfondirà quanto acquisito dalle più recenti conoscenze sulla realtà umana, sotto diversi profili genetico-biologico, antropologico-culturale. Tali acquisizioni scientifiche, infatti, rendono insostenibile qualsiasi modello razziale essendo la specie homo altamente promiscua ed estremamente omogenea e, escludendo gli effetti dell’ambiente, non vi sono reali differenze nelle potenzialità intellettive e nelle inclinazioni morali tra i gruppi umani. Ma una parte sostanziale della “natura” degli esseri umani e delle loro capacità di evoluzione e resilienza, sta nella particolare identità “culturale” che condividono con altri loro simili. Gli umani dovrebbero essere uguali per diritti e opportunità, ma dovrebbero poter abitare un pianeta che ospiti biodiversità e alterità culturali in grado di dialogare tra loro con reciproci vantaggi. L’incontro è ad ingresso libero.

Share