Afrodisiaci: Scopri quali frutti aumentano il desiderio.

Frutta afrodisiaca: i prodotti più deliziosi e efficaci.

Spesso sentiamo dire che esiste della frutta “afrodisiaca”, così come abbiamo visto che esistono dei cibi che stimolano il desiderio. Vedremo, quindi, di cosa si tratta e cosa rende suddetti alimenti dei potenti afrodisiaci.

Lasciamo da parte le sostanze costose ed improbabili come le parti polverizzate di animali in estinzione (polvere di corno di rinoceronte, sangue di serpente…) che farebbero passare la voglia di fare l’amore a qualunque uomo o donna che fosse a conoscenza di averle ingerite.

Prima di entrare nel dettaglio di quelli che sono considerati i principali frutti dell’amore, sottolineiamo che quelli che vengono considerati cibi afrodisiaci dovrebbero avere la capacità intrinseca di andare a stimolare il desiderio e la passionalità, agendo, quindi, sulla psiche e sul lato emotivo della persona. Il tutto, naturalmente, si collega anche a dei fattori metabolici, che sono esaltati dall’emotività. E’ proprio in questo modo che agiscono i frutti e i cibi afrodisiaci in generale.

Concentriamoci allora su prodotti quelli troviamo nei nostri mercati, degli abbinamenti più deliziosi .

Frutta afrodisiaca

Tra frutti e frutta secca, si trovano diversi afrodisiaci che sono più o meno potenti, ma tutti molto gustosi e piacevoli da consumare sperando in una reazione positiva del proprio corpo.

Facciamo un elenco di quelli che sono i frutti dell’amore:

  • fragola: anche questo frutto è da sempre considerato un potente afrodisiaco, vuoi per le proprietà caratteristiche, ma anche per il colore rosso passione. Già Greci e Romani ne avevano colto la funzione afrodisiaca e oggi, in abbinamento con un po’ di bollicine (preferibilmente champagne) sono sempre il giusto aperitivo per una serata intima di classe.
  • fico: questo è un altro frutto dall’alto potere afrodisiaco. Utilizzati sin dagli antichi greci, si credeva che agissero incrementando la fertilità tanto da utilizzarli per i loro riti propiziatori a sfondo sessuale; ancora oggi sono considerati frutti afrodisiaci. In passato la loro forma simile ai genitali femminili li rendeva più consumati dagli uomini che dalle donne. Se si vuole conquistare il proprio partner, questo frutto è un valido alleato. Pertanto, è possibile dire che i fichi sono considerati un ottimo stimolante sessuale, tanto da essere classificati come il quarto cibo afrodisiaco in assoluto.
  • banana: conosciamo tutti i doppi sensi che si fanno sulla banana e sulla sua forma, ma non è solo questo il motivo per il quale questo frutto è considerato afrodisiaco. La banana è uno degli alimenti afrodisiaci per eccellenza e non di certo per la sua forma fallica! Sappiamo bene che la banana è ricca di vitamina B, ma anche di potassio, magnesio e diversi altri minerali deputati a fornire energia. Tuttavia, quello che non tutti sanno è che questo frutto contiene anche un enzima, tipico dei frutti della famiglia delle Bromeliacea e, che aumenta la libido andando, al contempo, a combattere l’impotenza. Contenendo elevate quantità di potassio, la banana allontana il rischio di tumore renale. Funge da antiossidante, abbassando la pressione sanguigna, mantenendo sane le ossa e il sistema cardiaco e rafforzando la vista. Grazie altriptofano, un amminoacido che coagula la produzione di serotonina, migliorando l’umore e l’equilibrio nervoso e contrastando la depressione. E’ un ottimo ricostituente naturale grazie al suo elevato contenuto di minerali e potassio e ciò espone il fisico all’aspetto più “sportivo” della sessualità (il cervello, si sa, è il cuore dello stimolo erogeno).
  • anguria: si tratta di un potente afrodisiaco, che però viene sottovalutato. Tuttavia, questo gustoso frutto contiene la citrullina che è un precursore dell’arginina e mantiene la salute della prostata e stimola la circolazione sanguigna.
  • durian: tra tutta la frutta afrodisiaca, questa è una new entry. Si tratta di un frutto tipico del sud est asiatico, molto noto per la puzza ma anche per il sapore divino. Si tratta di un frutto con un alto contenuto di estrogeni, capace, quindi, di riaccendere il desiderio sessuale spento.
  • pistacchi: si dice che aumentino l’attrazione. Inoltre, come è stato dimostrato da una recente studio, i pistacchi possono dare dei veri e propri benefici a chi soffre di disfunzione erettile, dato che riescono a conferire maggiore energia per sostenere un rapporto sessuale, anche nel caso di problemi.
  • noci: si tratta di frutta secca ricca di aminoacidi e arginina, che sono due elementi molto positivi per migliorare in maniera netta quelle che sono le prestazioni sessuali. Stando a quanto riferito da uno studio portato avanti dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare si dovrebbe consumare un quarto di tazza di gherigli di noci per ottenere dei risultati in tal senso.
  • mandorla: in linea di massima si può dire che ogni cibo che va bene per il cuore e per il sistema cardiovascolare è anche utile dal punto di vista delle prestazioni sessuali e, pertanto, anche la mandorla ha delle caratteristiche afrodisiache. Nello specifico, le mandorle sono anche degli ottimi antiossidanti, pieni di vitamina E, molto utile per una vita sessuale soddisfacente.
  • avocado: va bene ovunque, nelle macedonie, come condimento per il riso, nell’insalata, per accompagnare formaggi dolci e molli. E’ originario dell’America centrale (Messico e Guatemala) ed è stato da sempre considerato un frutto afrodisiaco. E’ ricco di grassi che ricordano la composizione dell’olio extravergine d’oliva (è composto al 75% da grassi monoinsaturi). Un’antica credenza azteca associa il frutto dell’avocado ai genitali maschili, considerandolo uno dei simboli fallici per eccellenza. In spagna i preti cattolici lo proibirono per il suo evidente riferimento sessuale. E’ considerato cibo afrodisiaco per le sue proprietà nutrizionali che forniscono un’elevata quantità di energia 230 kcal per 100 grammi) … ha un elevato contenuto calorico, ma è facile da digerire! L‘avocado è ricco di acido folico, vitamina B6, vitamina A,C e soprattutto potassio, contiene il betasitosterolo ( sostanza che abbassa i livelli di colesterolo) e il glutatione ( per prevenire i problemi cardiovascolari).
  • bacche di Goji: anche queste piccole bacche sono ritenute altamente afrodisiache, grazie soprattutto alla vitamina C che ridona al corpo il vigore necessario per un rapporto soddisfacente.
  • frutto della passione: lo dice anche il nome che questo è uno dei migliori frutti per riaccendere l’appetito sessuale. Anche in questo caso, le virtù afrodisiache sono connesse a vitamine e sostanze benefiche per il cuore.

Dopo aver scoperto varietà di colori e di composizione della frutta, occorre ricordare il prezioso apporto di acqua che è contenuto nella frutta fresca, oltre alla presenza di vitamine, sali minerali, fibra alimentare e sostanze protettive per le difese e l’integrità del nostro organismo.

L’apporto di fibra alimentare è in grado sia di regolarizzare il transito intestinale, assicurando regolarità dell’alvo, sia contribuiscono a moderare i livelli di colesterolo nel sangue, modulandone l’assorbimento intestinale.

P.S. Cioccolato: secondo il Journal of Sexual Medicine, chi mangia almeno un cubetto di cioccolato al giorno, ha più voglia di fare sesso. Ci sono una serie di sostanze contenute nel cacao che aiutano la sessualità: la teobromina, che stimola il sistema nervoso centrale, aumentando l’energia, la prontezza di riflessi, la concentrazione e il desiderio sessuale. Il cioccolato stimola la produzione di endorfina che, avendo effetti analoghi alla morfina, stimola la sensazione di piacere. La feniletilamina invece, rilascia “dopamina”, neurotrasmettitore legato alle sensazioni di piacere, in modo da soddisfare stimoli come pulsione erotica, sete e fame. Il cioccolato contiene anche caffeina, sostanza stimolante. Pare che il re azteco Montezuma bevesse una bevanda al cioccolato prima di incontrare una delle sue mogli. fontehealthpportunity.it

Afrodisiaci: Scopri quali frutti aumentano il desiderio

Scopri anche quali sono i migliori afrodisiaci naturali, leggi qui

Se hai trovato interessante quest’articolo condividilo e lasciami un LIKE

Share