SPETTABILE  AMMINISTRAZIONE DEL COMUNE DI SERAVEZZA

ASSESSORA ALL’URBANISTICA E

VICESINDACO

VALENTINA SALVATORI

e, per conoscenza, stampa locale

Gent.ma Signora

Le scrivo circa la possibilità che nel vecchio capannone che fu della famiglia Salvatori che gestiva li un magazzino edile, arrivi un nuovo ( si può dire l’ennesimo?) supermercato.

La scelta spetta a voi, ma mi lasci  la possibilità di alcune osservazioni.

Premetto che abito in Vaiana e che potrei pensare alla comodità di andare a piedi fino al nuovo PENNY MARKET.

Non usi , per cortesia, il riferimento al degrado, oggi persino richiamato dallo stesso BOLSONARO ( che da fuoco alla foresta amazzonica per poi incolpare i campesinos).

In termini di politica amministrativa il riferimento al degrado è l’assist classico del politico alla speculazione edilizia.

Poi immagini di vedere lo stabile diventare uno work shop per artisti, un teatro, una mostra stabile, non sarebbe allora un recupero?

Non sarebbe un fiore al’occhiello per un’ Amministrazione che non vuole ulteriormente cementificare ( o asfaltare che é lo stesso o peggio) il territorio?

In fondo, l’architettura lo permetterebbe!

Parlando di degrado non si é accorta che li vicino c’é un fiume con gli argini abbandonati, senza possibilità di un passeggio.

Perché non pulire il percorso fino almeno al golf?

Perché non collegare il percorso al lato a monte, percorribile passeggiando fino all’Aurelia?

Certo, non é di vostra competenza diretta, ma potete fare senz’altro qualcosa se il vostro tempo non é dedicato tutto al Penny.

E parlando di degrado cosa dice di  via Rotta, di via Delle Rose, queste si di competenza del Comune di Seravezza.

Perché non pensate a riorganizzare li e  a dare una opportunità di sistemazione alle famiglie Rom che sono scese di due metri dall’argine del fiume , ma sempre nel degrado stanno?

Come vede, anche voi che avete il senso dell’armonia e del bello, rischiate di peccare di strabismo amministrativo.

Poi l’utilità!

Siete sicuri che la merce di scambio che vi propongono sia quella giusta per Querceta?

Ad oggi, Querceta, con non poca fatica, riesce a mantenere un centro commerciale tra la Stazione  FF e via Mordure.   Sarà lo stesso dopo che avrete permesso il nuovo polo?

Quasi senz’altro, il Penny  tenderà a prendere una fetta di mercato anche a ridosso e sotto l’autostrada, ma la fascia tra autostrada e ferrovia resterà a guardare?.

La scelta etica.

Da un po’ di tempo assistiamo ad un fenomeno nuovo e che da fiducia: la nascita di piccole realtà di distribuzione che attirano un clientela non interessata al carrello pieno ( di cui, magari, ne ha individuato anche gli sprechi….segno di maturità sociale?).

Ce ne sono alcune in zona compreso Querceta centro.

Che fine faranno? Sarebbe un vero peccato ( PER TUTTI) che questa piccola imprenditoria sparisse DI NUOVO!

 

distinti saluti

 

DOMENICO MARSILI

Share