Accadde oggi,19 Luglio: 1903, l’italiano Garin  vince il Primo Tour!

 

Il cognome dice che era di antica origine francese. E francese fu naturalizzato, per fare lo spazzacamino, ma era pur sempre italiano, cioè: valdostano.

E ai Francesi, come dice Conte, quando vince un italiano…

 

di Daniele Vanni

 

“E i Francesi che s’incazzano e le palle ancor gli girano…” così il più grande cantautore italiano (nel senso che altri saranno poeti superiori o forse musicisti migliori, lui mi pare il più completo, come artista che sa esibirsi su una piazza internazionale come Parig) Paolo Conte, ironizza sulla spocchia e sulla grandeur francese, un  popolo che non si rassegna, come la storia da Napoleone in poi gli ha demandato a ruolo di comprimario, di gregario!

E Nizza e Parigi, ci insegnano pure qualcosa!

Ecco, Conte li prende in giro per la vittoria di Bartali in un Tour de France che i nostri cosiddetti “cugini” ma siamo davvero poco parenti con gli abitanti d’Oltralpe, (di originaria stirpe germanica, come i belgi o gli olandesi) che non vorrebbero mai vinta da un Italiano, (quegli antichi e lontanissimi ma pur parenti dei Romani che con i Galli…) perché avete visto ancor oggi, dopo decenni di antirazzismo come ci considerano noi “spaghetti” e “mandolino”.

Invece già al primo Tour proprio un Italiano aveva prevalso, nonostante il cognome di chiara, antica, origine francese …

Maurice Garin(Arvier, 3 marzo 1871 – Lens, 19 febbraio 1957) era, purtroppo per loro nativo della Val da Aosta!

Fu un ottimo ciclista su strada e pistard … naturalizzato francese. Professionista dal 1893 al 1911, vinse la prima edizione del Tour de France nel 1903 e due Parigi-Roubaix. Aveva due fratelli: César e Ambroise anche loro assai validi in sella.

Nato in Italia da una famiglia valdostana, a quattordici anni emigrò con loro in Francia, svolgendo la professione di “ramoneur” (spazzacamino) e assumendo poi la nuova cittadinanza per ragioni lavorative; con il tricolore transalpino conquistò molte delle sue vittorie.

Naturalizzato solo nel 1901, Garin gareggiò come cittadino italiano per due terzi della sua carriera. Così un italiano salì sul podio della Roubaix già nella prima edizione, il 19 aprile 1896, quando Garin finì terzo dietro al tedesco Josef Fischer e al danese Charles Meyer.

Fu tra i protagonisti dell’epoca eroica del ciclismo, con vittorie nelle corse di lunga durata. La Parigi-Roubaix, la vinse per due anni di seguito, nel 1897 e 1898. Si aggiudicò anche corse di minor prestigio, come la Parigi-Brest-Parigi del 1901 e alla Bordeaux-Parigi del 1902.

Il suo anno di gloria fu il 1903, con il successo nel primo Tour de France, corso fra il 1º luglio e il 19 luglio. Oltre alla tappa inaugurale, vinse altre due tappe, su un totale di sei. Nel successivo ripeté l’exploit dell’anno precedente, ma fu squalificato insieme agli altri tre in testa alla classifica (compreso il fratello César, classificatosi terzo) per aver preso il treno durante la corsa. Squalificato per due anni, riprese poi a correre, ed a 40 anni chiuse decimo la Parigi-Brest-Parigi.

 

Garin è stato sepolto nel Cimitero di Sallaumines, vicino Calais.

 

 

 

 

Palmarès

 

Pista

 

1893          800 km di Parigi

1894          24h di Liegi

1894          24h di Liegi

1898          50 km d’Ostende

 

 

 

Strada

 

1893          Dinant-Namur-Dinant

1894          Prix d’Avesnes-sur-Helpe

1895          Guingamp-Morlaix-Guingamp

1896          Paris-Mons

Paris-Le Mans

Liège-Thuin

1897          Paris-Cabourg

Parigi-Roubaix

Paris-Royan

Tourcoing-Béthune-Tourcoing

1898          Parigi-Roubaix

Tourcoing-Béthune-Tourcoing

Valenciennes-Nouvion-Valenciennes

Douai-Doullens-Douai

1901          Parigi-Brest-Parigi

1902          Bordeaux-Parigi

1903          1ª tappa Tour de France (Montgeron > Lione)

5ª tappa Tour de France (Bordeaux > Nantes)

6ª tappa Tour de France (Nantes > Parigi)

Tour de France

 

 

 

 

Garin al vittorioso Tour del 1903

 

Share