Accadde oggi, 9 Febbraio 1619: il libero pensatore toscano Giulio Cesare Vanini finisce al rogo

 

Oggi la storia, la vicenda umana, di un personaggio “strano”: frate, filosofo, naturalista e, grande peccato per la Chiesa del ‘600! libero pensatore, di quella specie di cui il Papa aveva già “abbrustolito” esemplari come Giordano Bruno! Da qui la vita rocambolesca del pensatore discendente da una famiglia toscana, massese si direbbe oggi. finito con la lingua tagliata, strangolato e poi non contenti! al rogo!

 

diDaniele Vanni

 

 

Giulio Cesare Vanini (Tresana, 19 gennaio 1585 – Tolosa, 9 febbraio 1619) è stato un filosofo, medico, naturalista libero pensatore italiano, fra i primi esponenti di rilievo del libertinismo erudito.

Questo pensatore, purtroppo così poco conosciuto, e finito al rogo perché ateo, aveva origini non tanto distanti da noi: nacque infatti, nella notte tra il 19 e il 20 gennaio 1585 a Taurisano, casale di Terra d’Otranto, ma nella famiglia che il padre Giovan Battista, uomo d’affari originario di Tresana in Toscana, (terra dei Malaspina) ha costituito sposando una Lopez de Noguera, appartenente a una famiglia spagnola appaltatrice delle regie dogane della Terra di Bari, della Terra d’Otranto, della Capitanata e della Basilicata.

Nel 1603, entra nell’ordine carmelitano assumendo il nome di fra’ Gabriele e si trasferisce a Padova per intraprendere gli studi di teologia presso quell’università.Giunge nelle terre della Repubblica di Venezia quando le polemiche provocate due anni prima dall’interdetto del papa Paolo V sono ancora vivacissime.Durante il soggiorno padovano entra in contatto con il gruppo capeggiato da Paolo Sarpi fermo oppositore dell’Inquisizione, scrittore all’indice, che, con l’appoggio dell’ambasciata inglese a Venezia, alimenta la polemica antipapale.

 

Giulio Cesare consegue a Napoli il titolo di dottore in utroque iure, superando nel giugno 1606 l’esame che gli consentiva di esercitare la professione di dottore nella legge civile e canonica. Come verrà descritto in documenti posteriori, egli ha assimilato una grande cultura, «parla assai bene il latino e con una grande facilità, è alto di taglia e un po’ magro, ha i capelli castani, il naso aquilino, gli occhi vivi e fisionomia gradevole ed ingegnosa».

 

Nel 1606 probabilmente il padre del filosofo muore a Napoli. Giulio Cesare Vanini, divenuto maggiorenne, si fa riconoscere da un tribunale della capitale erede di Giovan Battista e tutore del fratello Alessandro. Con una serie di rogiti e procure notarili redatte a Napoli, Giulio Cesare inizia a sistemare ogni pendenza economica conseguente alla morte del padre.

Nel 1611 partecipa alle prediche quaresimali, attirandosi i sospetti delle autorità religiose.

 

La fuga in Inghilterra

 

Nel gennaio 1612, in conseguenza dei suoi atteggiamenti antipapali, viene allontanato dal convento di Padova e rinviato, in attesa di ulteriori sanzioni disciplinari, al Provinciale di Terra di Lavoro con sentenza del generale dell’Ordine Carmelitano, ma l’anno dopo fugge in Inghilterra, insieme con un confratello genovese di nome Genocchi. Qui i due frati rimarranno per quasi due anni, nascondendo la loro reale identità perfino ai loro ospiti inglesi, poiché è provato che lo stesso arcivescovo di Canterbury, George Abbot, li conosceva sotto un nome diverso da quello reale.

 

Nel luglio 1612, nella Chiesa londinese detta “dei Merciai” o “degli Italiani”, alla presenza di un folto auditorio e del filosofo Francesco Bacone, Vanini e il suo compagno fanno una pubblica sconfessione della loro fede cattolica, abbracciando la religione anglicana.

A loro volta, le autorità cattoliche vengono subito informate di questo caso, avvertono la Segreteria di Stato vaticana che due frati veneziani non meglio identificati sono fuggiti in Inghilterra «e si sono fatti ugonotti», che un vescovo italiano sta per seguirli e che lo stesso Paolo Sarpi, morto il doge e privato della sua protezione, per non cadere in mano dei suoi nemici, è sul punto di fuggire in Palatinato tra i protestanti, e tutto è già diventato argomento di discussione dell’Inquisizione Romana, che nei primi giorni del gennaio successivo inizia di fatto a istruire il processo contro Vanini.

Nei mesi successivi si hanno varie notizie di un gran traffico di suppliche e lettere dei due frati a Roma, specialmente tramite l’ambasciatore spagnolo a Londra, per ottenere il perdono del papa e il rientro nel Cattolicesimo. Le autorità religiose inglesi ne vengono segretamente informate e dispongono un’attenta sorveglianza nei confronti dei due frati.

 

Tra la fine del 1613 e l’inizio del 1614 Vanini si reca in visita all’Università di Cambridge e poi ad Oxford; qui confida ad alcuni conoscenti la sua ormai imminente fuga dall’Inghilterra, cosicché in gennaio i due frati vengono arrestati dalla guardie dell’arcivescovo dopo una funzione religiosa nella chiesa “degli Italiani” e rinchiusi in case di alcuni servi dell’arcivescovo. Scoppia un grande scandalo e dell’episodio vengono informati il re e le massime autorità dello Stato,

In febbraio Genocchi, eludendo la sorveglianza e con l’aiuto di agenti stranieri, fugge dalla prigione e dall’Inghilterra; in conseguenza di ciò, Vanini viene trasferito in luogo più sicuro e rinchiuso nella Carzel publica, ovvero nella Gatehouse adiacente all’Abbazia di Westminster. Dilaga lo scandalo e a Londra viene intanto istruito il processo a Vanini: il frate rischia una severa punizione, non il rogo come i martiri della fede, ma una lunga deportazione in desolate colonie lontane.

 

La fuga da Londra

 

Tra il 10 e il 16 marzo 1614 anche Vanini riesce a evadere di prigione e a fuggire dall’Inghilterra, sempre grazie all’aiuto degli agenti dell’ambasciatore spagnolo a Londra, incoraggiato da alte personalità romane e del cappellano dell’ambasciata della Repubblica Veneta, che si avvale anche dell’opera di alcuni servi dell’ambasciatore stesso, ma all’insaputa di questi.

 

 

In aprile Vanini e Genocchi arrivano a Bruxelles e si presentano al Nunzio di Fiandra, Guido Bentivoglio, che li attende da tempo. Vengono iniziate le prime pratiche per la concessione del perdono per la fuga in Inghilterra e per l’apostasia e viene loro accordato di tornare in Italia e di vivervi in abito di prete secolare, senza più indossare l’abito religioso, ma con il vincolo dell’obbedienza al loro superiore. Forti di tali concessioni, alla fine di maggio i due frati vengono posti sulla via per Parigi, dove all’incirca nello stesso periodo giunge a Parigi anche l’ultimo frate “recuperato” dall’Inghilterra, fra’ Nicolò da Ferrara, al secolo Camillo Marchetti. Altri due frati, invece, non ottengono il perdono dalle autorità cattoliche.

 

A Parigi, nell’estate del 1614, intanto Vanini si inserisce nella polemica relativa all’accettazione dei principi del Concilio di Trento in Francia, che tardava ad arrivare a causa del rifiuto di parte del clero gallicano; per orientare gli animi nella direzione voluta dalla Santa Sede, scrive i Commentari in difesa del Concilio di Trento, di cui egli poi intende avvalersi, come scrive Ubaldini ai suoi superiori in Roma, per dimostrare la sincerità del suo ritorno nella fede cattolica.

 

Riprende quindi la strada per l’Italia, dirigendosi a Roma, dove deve affrontare le difficili fasi finali del processo presso il tribunale dell’Inquisizione. Dimora per qualche mese a Genova, dove ritrova l’amico Genocchi e si guadagna da vivere insegnando filosofia ai figli di Scipione Doria.

 

Nonostante le assicurazioni ricevute, il ritorno dei frati non è del tutto tranquillo: nel gennaio 1615 Genocchi viene inaspettatamente arrestato dall’Inquisitore di Genova; a Ferrara accade lo stesso all’altro frate “recuperato”, Camillo Marchetti. Vanini teme che gli accada la stessa sorte, fugge nuovamente in Francia e si dirige a Lione. Gli esiti finali delle esperienze capitate al frate genovese e a quello ferrarese – che vennero rilasciati dopo un breve periodo di detenzione e restituiti alla normale vita religiosa – sembrano indicare che forse Vanini esagerò il pericolo insito in queste operazioni di polizia dell’Inquisizione.

 

In Francia

 

A Lione, nel giugno 1615, Vanini pubblica l’Amphitheatrum, che egli intende esibire in sua difesa alle autorità romane,

Poco tempo dopo, grazie anche agli appoggi acquisiti presso certi ambienti cattolici con la pubblicazione della sua opera, Vanini ritorna a Parigi e si ripresenta al Nunzio Ubaldini, chiedendogli di intervenire in suo favore presso le autorità di Roma. In agosto il prelato scrive al cardinale Borghese, chiedendo chiare indicazioni sulla sorte dell’ex-carmelitano. Non si conosce la risposta del Segretario di Stato; Vanini, comunque, non ritorna più in Italia e riesce invece a trovare la strada e i mezzi per entrare in ambienti molto prestigiosi della nobiltà francese.

 

Nel 1616, in pochi mesi, Vanini completa un’altra sua opera, il De Admirandis Naturae Reginae Deaeque Mortalium Arcanis, ed il 20 maggio l’affida a due teologi della Sorbona perché ne autorizzino la pubblicazione, secondo le norme del tempo vigenti in Francia; l’opera è pubblicata in settembre a Parigi. L’opera del Vanini ottiene un immediato successo presso certi ambienti della nobiltà, popolati di giovani spiriti che guardano con interesse alle innovazioni culturali e scientifiche che vengono dall’Italia. In questo senso il De Admirandis costituisce una summa, esposta in modo vivace e brillante, del nuovo sapere; dà una risposta alle esigenze del momento di questo settore della nobiltà francese; diviene una specie di “manifesto” culturale di questi esprits forts e rappresenta per Vanini una possibilità di stabile permanenza negli ambienti vicini alla corte di Parigi, ma i testi visti con sospetto in ambiente cattolico, vengono vietati.

Tuttavia la Facoltà di Teologia della Sorbona, però, sembra non occuparsi più dell’opera di Vanini, che continua incessantemente a scrivere.

 

Tutto questo porterebbe a ritenere che non vi siano stati atti ufficiali specifici di persecuzione contro Vanini da parte delle autorità parigine, né religiose né civili, né in questo periodo né negli anni seguenti, ma solo proteste e minacce nei suoi confronti da parte di alcuni settori cattolici. Una condanna dell’opera di Vanini non avrebbe trovato fondate giustificazioni, né sul piano giuridico né su quello culturale, in quanto gran parte delle teorie esposte da Vanini non costituivano una novità per la cultura francese.

 

Fuggito da pochi mesi dall’Inghilterra, impossibilitato a rientrare in Italia, minacciato da alcuni settori cattolici francesi, Vanini vede restringersi intorno gli spazi di movimento e ridursi le possibilità di trovare stabile sistemazione nella società francese. Ha paura che venga aperto un processo contro di lui anche a Parigi, per cui fugge dalla capitale e si nasconde in Bretagna.

 

A Tolosa

 

Nei mesi seguenti, altre cronache del tempo segnalano la presenza di un misterioso italiano, con un nome strano, in possesso di una grande cultura, ma dall’incerto passato, ancora più a sud, in alcune città della Guienna e poi della Linguadoca ed infine a Tolosa. Nella particolare suddivisione politica della Francia del XVII secolo, Enrico, duca di Montmorency, protettore degli esprits forts del tempo, sposato con la duchessa italiana Maria Felice Orsini, è governatore di questa regione e sembra poter accordare protezione al fuggiasco, che continua comunque a tenersi prudentemente nascosto. La presenza a Tolosa di questo misterioso personaggio, di cui si ignora la provenienza e la formazione culturale, ma che fa mostra di grande sapienza, di grande vivacità dialettica specialmente tra i giovani e di affermazioni non sempre allineate con la morale del tempo, non passa inosservata ed attira i sospetti delle autorità, che cominciano a sorvegliarlo.

Dopo averlo ricercato per un mese, il 2 agosto 1618 le autorità tolosane lo fanno arrestare e chiudere in prigione. Lo sottopongono ad interrogatorio, cercano di scoprire chi egli sia, quali siano le sue idee in materia di religione e di morale, perché fosse arrivato fin in quel lontano angolo della Francia meridionale. Vengono convocati testimoni contro di lui, ma non riescono ad accertare nulla, né a farlo tradire.

Il 9 febbraio 1619 il misterioso personaggio viene improvvisamente riconosciuto colpevole e condannato al rogo.Ormai isolato, braccato, impossibilitato a chiamare a sua difesa un passato travagliatissimo e ricco di nodi mai sciolti, abbandonato dai pochi amici rimastigli fedeli perché impotenti ad organizzare una chiara strategia in sua difesa, Vanini muore di morte atroce. Il Parlamento di Tolosa lo riconosce colpevole del reato di ateismo e di bestemmie contro il nome di Dio, condannandolo, sulla base della normativa del tempo prevista per i bestemmiatori: gli viene tagliata la lingua, poi è strangolato e infine arso.

 

Subito dopo l’esecuzione furono pubblicati altri anonimi che facevano esplicitamente il nome del Vanini e che vengono giudicate contrarie al culto e all’accettazione del vero Dio e assertrici dell’ateismo.

 

L’interpretazione naturalistica dei fenomeni soprannaturali è fatta propria dal Vanini che riferimento anche al Cardano, a Pietro Pomponazzi, Giulio Cesare Scaligero e ad altri cinquecentisti, dando una spiegazione razionale dei pretesi fenomeni soprannaturali, dal momento che anche l’astrologia è considerata una scienza. Ma i reali fondamenti dei presunti fenomeni sovrannaturali sono per Vanini soprattutto la fantasia umana, capace a volte di modificare l’apparenza della realtà esterna, i fondatori delle religioni rivelate, Mosè, Gesù, Maometto e gli ecclesiastici impostori che impongono false credenze per ottenere ricchezze e potere, e i regnanti, interessati al mantenimento di credenze religiose per meglio dominare la plebe, come insegnava già Machiavelli, il «principe degli atei» per il quale, secondo Vanini, «tutte le cose religiose sono false e sono finte dai principi per istruire l’ingenua plebe affinché, dove non può giungere la ragione, almeno conduca la religione».

 

Seguendo ancora il Pomponazzi e il Porzio nella loro interpretazione dei testi aristotelici, mutuata dai commenti di Alessandro di Afrodisia, nega l’immortalità dell’anima. Anche il cosmo aristotelico-scolastico subisce l’attacco distruttivo del Vanini: egli, analogamente a Bruno, nega la differenza peripatetica tra un mondo sublunare e un mondo celeste, affermando che entrambi sono composti della stessa materia corruttibile; scardina nell’ambito fisico e biologico il finalismo e la dottrina ilemorfica aristotelica, e, ricollegandosi all’epicureismo lucreziano, elabora una nuova descrizione dell’universo d’impianto meccanicistico-materialistico (gli organismi sono paragonati a orologi), e concepisce una prima forma di trasformismo universale delle specie viventi; concorda con gli aristotelici sull’eternità del mondo (considerando in particolare l’aspetto temporale), ma, contro di essi, afferma il moto di rotazione terrestre e appare respingere la tesi tolemaica in favore di quella eliocentrica/copernicana.

 

La figura e l’opera del Vanini sono state ampiamente riconsiderate e rivalutate dalla critica contemporanea, mettendo in mostra l’originalità e le intuizioni (metafisiche, fisiche, biologiche), talvolta precorritrici nei tempi, dei suoi scritti.

 

Visto che il Vanini nelle sue opere nasconde le sue idee, secondo un tipico espediente della cultura del suo tempo (per evitare seri conflitti con le autorità religiose e politiche costituite, conflitti che, come paradossalmente e sfortunatamente avvenne, nonostante le cautele, lo condussero infine alla morte), l’interpretazione del suo pensiero si offre a diversi piani di lettura. Tuttavia, nella storia della filosofia, resta di lui acquisita un’immagine di miscredente e persino di ateo (il che non era). E questo perché avversario di ogni superstizione e di fede costituita, tanto da essere considerato uno dei padri del libertinismo, malgrado avesse scritto persino un’apologia del Concilio di Trento, andata perduta.

 

Vanini trae dal Cusano dei tipici elementi panteistici, simili a quelli che si ritrovano anche in Giordano Bruno, ma più materialistici. La sua visione del mondo si basa sull’eternità della materia, sulla omogeneità sostanziale cosmica, su un Dio dentro la natura come “forza” che la forma, la ordina e la dirige. Tutte le forme del vivente hanno avuto origine spontanea dalla terra stessa come loro creatrice.

Viene negata la creazione dal nulla e l’immortalità dell’anima, Dio è nella natura come sua forza propulsiva e vitale, entrambi sono eterni. Gli astri del cielo sono una specie di intermediari tra Dio e la Natura che sta nel mondo sublunare e di cui noi facciamo parte. La religione vera è perciò una “religione della natura” che non nega Dio ma lo considera un suo spirito-forza.

 

Il pensiero di Vanini è abbastanza frammentario e riflette anche la complessità della sua formazione, perché era un religioso, un naturalista, ma anche un medico e un po’ un mago. Ciò che ne caratterizza la prosa è la veemenza anticlericale. Tra le cose originali del suo pensiero c’è una specie di anticipazione del darwinismo, perché, dopo un primo tempo in cui sostiene che le specie animali nascano per generazione spontanea dalla terra, in un secondo tempo (lo aveva già pensato anche Cardano) pare convinto che esse possano trasformarsi le une nelle altre e che l’uomo derivi da “animali affini all’uomo come le bertucce, i macachi e le scimmie in genere”!!!

 

La “fortuna” filosofica di Vanini

 

Nel 1623 appaiono due opere che consacrano il mito del Vanini ateo: La doctrine curieuse des beaux esprits de ce temps…, del gesuita François Garasse e le Quaestiones celeberrimae in Genesim cum accurata explicatione…, del padre Marin Mersenne. Le due opere, però, anziché spegnere la voce del filosofo, la amplificano in un ambiente che evidentemente era pronto a ricevere, discutere e riconoscerne la validità delle affermazioni.

 

 

 

Share