Accadde oggi, 6 Luglio: 1785, nasce il Dollaro

 

6 luglio dollar_back

C’è chi, malignamente, sopra la scritta che indica la cifra, considerando che fino al 1972, la moneta veniva stampata in base alle riserve auree, a soprattutto visto il valore per l’uomo dell’oro, aggiungetra la “o” ed il “d” di Dio, una…”l”!

In questa data, nasceva la moneta, che, se l’uomo fosse di buon senso, visto che gli Americani, già dalla Prima Guerra Mondiale, ed ancor più dalla Seconda! sono i “padroni” del mondo, i vincitori che hanno salvato per ben due volte l’Europa e non hanno voluto infierire sul “resto” come avrebbero potuto fare facilmente, avremmo dovuto adottare tutti: per far vedere che veramente, senza rivalse, ci avvicinavamo ad un mondo davvero unito!

 

di Daniele Vanni

 

Il 9 maggio, per la Festa dell’Europa, ci chiedevamo il perché, in un’ottica di globalizzazione, non avessimo, come Europei, adottato il Dollaro, invece di creare quella brutta moneta che è l’Euro! Dalla quale tanti, per lo più impossibilitati, vorrebbero uscire!

(Questo lo avevamo scritto un ano fa: molto prima di Brexit e dell’annullamento, assai sospetto dicono i dietrologi, delle presidenziali austriache!)

 

Oggi, in questa data, 6 luglio, (mentre il referendum greco ha avuto l’esito con un no all’Europa e all’Euro del 61%) ricordiamo l’introduzione, la nascita del Dollaro. E scopriamo, con sorpresa, che il nome stesso è di origine europea!

Infatti, dopo la scoperta di alcune miniera di argento, verso la fine del ‘400, fu Venezia prima e poi il Tirolo, a coniare monte d’argento di grande valore, che per questo venivano riconosciute e scambiate universalmente. Quella austriaca soprattutto ebbe un successo mondiale! La zecca fu spostata da Merano verso Innsbuck e la nova moneta sostituì quasi dappertutto il “TESTONE” (la raffigurazione di S.Ambrogio sulla moneta degli Sforza di Milano): era il Guldengroschen o Guldiner , che in Boemia prese il nome di Joachim- THALER da S.Gioacchino che vi era raffigurato . “THALER” viene dal tedesco THAL e sta a significare “valle” quella austriaca o quella boema, dove, per la prima volta si coniò il “TALLERO” moneta argentea da cui tare appunto nome la moneta moderna più famosa al mondo!

Se l’uomo fosse mosso da più miti consigli, avrebbe da tempo adottato il Dollaro, (o volendo anche un’altra ex-novo!) come moneta unica mondiale, indirizzando i commerci verso una minore aggressività che non fa che aumentare i rischi di guerra e distrugge irrimediabilmente il nostro habitat!

Comunque sia, il 6 Luglio 1785, per la prima volta al mondo, dopo una miriade di monete, s’introduceva una moneta DECIMALE.

Fu la prima volta che una nazione adottava un sistema decimale per la valuta.

Questa prendeva spunto dal Dollaro spagnolo, il REAL DA 8, non a caso entrata in corso nel 1497, subito dopo l’introduzione di quello austro-tedesco-boemo ed anche svizzero.

Il Coinage Act del 1792 creò la zecca statunitense (United States Mint), ma i primi dollari statunitensi non erano popolari come le monete spagnole che erano più pesanti e con un titolo maggiore.

La moneta da otto real nominalmente pesava 550,209 grani spagnoli (27,468 grammi), con un titolo di 0,93055, cioè 25,560 grammi di argento puro.

Invece il Coinage Act del 1792 specificò che il dollaro statunitense doveva contenere 24,1 g) di argento puro.

Il pezzo da otto aveva il valore nominale di otto real. Le monete erano spesso tagliate letteralmente in otto “bit”, o a volte in quattro quarti per creare delle monete divisionali. Questa è l’origine del nome colloquiale che hanno di pezzo da otto e dei nomi di “quarter” e “due bits” usati negli Stati Uniti per la moneta da 25 cent.

Come si vede dalla deliberazione del 1785 alla creazione della zecca statunitense passano ben 6 anni e ancora molti ne passarono perché il Doolaro si affermasse sulla moneta spagnola. Ciò durò praticamente fino alla Guerra di Secessione, tempo in cui la moneta si resse su riserve ed interscambiabilità tra dollaro, argento e oro. Il Gold Standard il sistema aureo che seguì e dette stabilità a tutto il mondo fu abolito con eneormi contraccolpi, dando poi  sfrenatezza al sistema finanziario di ci oggi subiamo nefastissime conseguenze, da Nixon nel 1971.

Le moderne banconote statunitensi, indipendentemente dalla denominazione, misurano 6,63 cm in larghezza, 15,6 cm in lunghezza e 0,11 mm in spessore.

Sul Dollaro e i simboli che sarebbero “nascosti” all’interno della moneta cartacea, si è scritto di tutto! A cominciare da un disegno degli “Illuminati” per conquistare il mondo.

Sono innegabili degli influssi massonici, ma da lì, ad ipotizzare dietrologie di sette (un po’ come oggi con faciloneria si fa con il club Bilderberg!) tese alla conquista del mondo, ce ne corre!

Nel 1776 venne creata una commissione per disegnare il nuovo simbolo della nascente nazione americana; di questa commissione facevano parte 4 membri: Benjamin Franklin (l’unico sicuramente massone dei 4), Thomas Jefferson, (per il quale non esistono prove di aderenza alla massoneria ma di ideali illuministici) John Adams, (stessa cosa del precedente) e Pierre du Simitiere, non massone e l’ideatore del simbolo della piramide.

E’ vero che nel Dollaro sono raffigurati molti simboli assimilabili a quelli massonici. Meno son ipotizzabili le concatenazioni che si fanno con uso spregiudicato della numerologia.

C’è la piramide, con 13 gradoni, (come 13 sono le stelle sopra l’aquila, le strisce dello scudo, la stessa scritta che dice: “Da più una cosa sola” è formata da 13 lettere, come quella “Annuit Coeptis “ che sta a significare che la Divinità acconsente all’impresa della formazione del nuovo stato, 13 sono le frecce tenute negli artigli dell’aquila) perché 13 sono gli stati che componevano gli Stati Uniti al momento della loro formazione, ed incompiuta ad indicare la crescita futura della nazione.

C’è anche l’occhio con il triangolo, ma è piuttosto il simbolo universale della provvidenza divina, che presiede alla nuova nazione, fondata su Dio, ed in Dio credente (In God we trust) che non l’Architetto dell’Universo massonico. Anche se molto gli assomiglia.

 

Share