Accadde Oggi, 6 Febbraio 1952: Elisabetta II diviene Regina

 

di Daniele Vanni

 

 

Il 6 Febbraio 2002, Elisabetta ha festeggiato il giubileo d’oro, cioè i 50 anni di regno. Nella stessa data del 2012 il giubileo di diamante.

 

Elisabetta II (Elizabeth Alexandra Mary; Londra, 21 aprile 1926) è la regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord. Figlia di re Giorgio VI e della regina Elisabetta (alla nascita era la primogenita dei duchi di York[1]), è anche regina di Antigua e Barbuda, Australia, Bahamas, Barbados, Belize, Canada, Grenada, Giamaica, Nuova Zelanda, Papua Nuova Guinea, Saint Kitts e Nevis, Saint Vincent e Grenadine, Isole Salomone, Santa Lucia e Tuvalu.

Elisabetta II è anche Capo del Commonwealth e governatore supremo della Chiesa d’Inghilterra, comandante in capo delle forze armate e signore dell’Isola di Man. È salita al trono del Regno Unito il 6 febbraio 1952, alla morte del padre re Giorgio VI.

 

Il suo regno è il più lungo di tutta la storia britannica, avendo superato il 9 settembre 2015 il precedente record detenuto dalla sua trisavola Vittoria di 63 anni, 7 mesi e 2 giorni (pari a 23.226 giorni), ed è il più lungo in assoluto per una regina.

 

Circa 125 milioni di persone nel mondo sono suoi sudditi. Il suo regno ha visto 12 Primi ministri del Regno Unito e ancor più numerosi primi ministri e governatori degli altri stati membri del Commonwealth delle nazioni. Per la sua durata, il regno di Elisabetta II è al 46º posto nella classifica dei regni più lunghi della Storia. È sposata con Filippo di Edimburgo dal 20 novembre 1947 e ha quattro figli, Carlo, Anna, Andrea ed Edoardo.

 

Elisabetta è nata al nº 17 di Bruton Street a Mayfair (Londra) ed è stata battezzata nella cappella privata di Buckingham Palace dall’Arcivescovo di York. Suo padre era il principe Albert (poi re Giorgio VI), figlio secondogenito del re Giorgio V del Regno Unito, e della regina Maria. Sua madre era Elizabeth Bowes-Lyon, duchessa di York, figlia di Claude George Bowes-Lyon, conte di Strathmore and Kinghorne.

 

Ebbe solo una sorella, Margaret, nata nel 1930 e morta nel 2002. Le venne imposto il nome di sua madre, mentre i suoi due nomi successivi sono quelli rispettivamente della bisnonna paterna, la regina Alessandra di Danimarca e della nonna, la regina Mary. Ebbe un buon rapporto specialmente con il nonno Giorgio V e le fu dato il merito di averlo sostenuto durante la malattia che lo colpì nel 1929.

 

Come nipote del regnante britannico per la linea di discendenza maschile, aveva il titolo di Her Royal Highness (Sua Altezza Reale), precisamente S.A.R. Principessa Elisabetta di York. Alla nascita era la terza nella linea di successione al trono britannico, preceduta dallo zio Edoardo e dal padre.

 

Successione

 

Foto: La principessa Elisabetta (a sinistra, in uniforme) sul balcone di Buckingham Palace con (da sinistra a destra) sua madre la regina Elisabetta, il primo ministro britannico Winston Churchill, re Giorgio VI e la principessa Margaret, 8 maggio 1945.

La salute di re Giorgio declinò vistosamente nel 1951 ed Elisabetta lo rappresentò in numerosi eventi pubblici e visite ufficiali: si recò infatti in Grecia, Italia e Malta. In ottobre dello stesso anno visitò il Canada e si recò a Washington dal presidente Truman.

Nel gennaio 1952 Elisabetta e Filippo partirono per una lunga visita in Australia e Nuova Zelanda. E fu proprio durante una visita ufficiale (in Kenya) che venne avvisata della morte del padre, il 6 febbraio 1952, affetto da tumore ai polmoni e morto d’infarto. Fu il marito Filippo che diede la notizia alla nuova regina e quando le fu chiesto di scegliere il nome con cui volesse regnare, lei scelse di utilizzare il proprio nome, cioè Elisabetta.

 

Fu la prima monarca britannica dall’Atto di Unione del 1801 a trovarsi fuori dal Regno Unito al momento della successione al trono. L’albergo dove alloggiava la coppia reale, il “Treetops hotel” divenne un’attrazione turistica negli anni successivi. Elisabetta II fu incoronata con una fastosa cerimonia all’abbazia di Westminster il 2 giugno 1953.

Share