accadde oggi – 29 aprile 1966. Il pugile Muhammad Ali (Cassius Clay) viene defraudato del titolo mondiale perché si rifiuta di arruolarsi nell’esercito americano, durante la guerra del Vietnam. Al campione viene addirittura ritirata la licenza da boxeur.

Ma la Corte Suprema degli Stati Uniti nel 1971 capovolge la condanna e lui riconquista la corona di campione dei pesi massimi (nell’immagine, Cassius Clay medaglia d’oro ai Giochi Olimpici di Roma, 1960).

fonte focus storia

Share