Accadde Oggi, 22 Febbraio 1997: dopo 10.000 anni di allevamento e patorizia, l’uomo riesce a clonare un pecora: è Dolly

 

di Daniele Vanni

 

 

La pecora Dolly (5 luglio 1996 – 14 febbraio 2003) è stata il primo mammifero ad essere stato clonato con successo da una cellula somatica, sebbene non il primo animale in assoluto ad essere stato clonato con successo.

 

Dolly è stata prodotta al Roslin Institute in Scozia a pochi chilometri da Edimburgo, dove ha vissuto fino alla morte avvenuta circa sette anni dopo. Gli scienziati annunciarono la sua nascita solo l’anno successivo, il 22 febbraio 1997.Il nome “Dolly” le fu dato in onore della prosperosa cantante country Dolly Parton, dato che la cellula usata per la clonazione fu una cellula mammaria! L’ispirazione per tale nome venne al suo allevatore.

 

Il metodo utilizzato da Ian Wilmut per ottenere la clonazione a partire da una cellula somatica adulta consiste nel trasferimento nucleare di cellule somatiche: i nuclei di cellule non appartenenti alla linea germinale del donatore vengono trasferiti in cellule embrionali denucleate (private del proprio nucleo) e quindi indotti ad avviare lo sviluppo del feto tramite elettroshock e successiva impiantazione in una madre surrogata. Difatti Dolly ha avuto tre madri: una fornente il nucleo di una cellula non germinale e quindi il DNA (la vera pecora clonata), un’altra la cellula embrionale denucleata e l’ultima è la madre surrogata. Tramite tale metodo Dolly è stata clonata nel 1996 a partire da una cellula somatica di una pecora donatrice di 6 anni.

 

Il 9 aprile 2003 i resti impagliati di Dolly sono stati posti al Royal Museum di Edimburgo, che fa parte del National Museums di Scozia.

 

La posizione scientifica

 

Nel 1999 su Nature è stata pubblicata una ricerca in cui si suggeriva che Dolly poteva essere suscettibile di un invecchiamento precoce a causa dei ridotti telomeri delle sue cellule. Si speculò che questi potevano essere stati ereditati dalla madre, che aveva l’età di 6 anni quando le fu prelevato il materiale genetico, così che Dolly poteva avere geneticamente già 6 anni alla nascita. I primi segni di un invecchiamento precoce sono stati effettivamente riportati nel 2002, quando Dolly aveva 5 anni. Sviluppò una forma potenzialmente debilitante di artrite, insolita a questa giovane età. Ciò andò a sostegno dell’ipotesi della senescenza prematura.

 

La comunità scientifica è, in ogni caso, concorde nel ritenere importante la prosecuzione e l’approfondimento dei metodi di clonazione. Il sostegno della comunità scientifica è unanime riguardo alla clonazione dei cavalli e alla clonazione dei maiali, al fine di ottenere organi animali idonei per il trapianto in esseri umani. Il metodo impiegato per la produzione di Dolly rappresenta una delle più importanti scoperte scientifiche: tale metodo ha sostanzialmente contribuito allo sviluppo delle biotecnologie ed alla comprensione dei meccanismi epigenetici che regolano lo sviluppo cellulare.

 

La morte

 

Dolly fu abbattuta il 14 febbraio 2003 (all’incirca cinque mesi prima del suo settimo compleanno), a causa di complicazioni dovute ad un’infezione polmonare, frequente nelle pecore più anziane, ma che portò alla speculazione che Dolly fosse morta prematuramente. Gli scienziati di Roslin, comunque, dichiarano di non pensare che ci siano connessioni con il fatto che Dolly sia un clone, e che anche altre pecore nella fattoria hanno avuto problemi simili, forse per il clima o per le condizioni non sicure.

 

Retaggio di Dolly

 

La produzione di Dolly mostrò per la prima volta che i geni nei nuclei di cellule somatiche differenziate (mature) sono ancora capaci di agire come se fossero in una cellula allo stato totipotente, ancora capace di svilupparsi in una qualunque parte di un animale; per fare un esempio, i nuclei di una cellula della pelle, nelle giuste condizioni, possono ancora dare origine, ad esempio, ad un neurone.

Dopo il successo di Dolly, molti altri mammiferi, principalmente di interesse zootecnico, sono stati clonati. Vi sono differenze nell’efficienza di clonazione delle diverse specie. Il tentativo di clonare degli argali non ha prodotto embrioni corretti. Il tentativo di clonare dei banteng ha avuto più successo, così come quello di clonare dei mufloni. Il metodo di riprogrammazione delle cellule necessario durante la clonazione non è perfetto e spesso i cloni mostrano sviluppi anormali. La clonazione dei mammiferi, in generale, è altamente inefficiente (Dolly è stato l’unico sopravvissuto di 277 tentativi – sebbene recentemente, nel 2014, degli scienziati cinesi riportino un tasso di successo nella clonazione di maiali pari al 70–80%). Ian Wilmut, a capo del team che ha creato Dolly, nel 2007 ha annunciato che la tecnica di trasferimento dei nuclei non sarà mai abbastanza efficiente da poter essere utilizzata con gli umani.

 

La clonazione, in ogni modo, ha lasciato il luogo della fantascienza per trasferirsi nella realtà, accompagnata da tutti i rischi e le promesse del progresso medico-scientifico. È già diventata un’opzione per salvare specie rare dall’estinzione.[21] Nel gennaio del 2009, degli scienziati del Centre of Food Technology and Research di Aragona, nel nord della Spagna, hanno annunciato la clonazione dello stambecco dei Pirenei, che era stato dichiarato ufficialmente estinto nel 2000. Sebbene il neonato stambecco sia morto subito dopo la nascita a causa di difetti fisici nei suoi polmoni, questa è stata la prima volta che un animale estinto è stato clonato, e il tentativo ha aperto la porta per salvare le specie in via di estinzione o estinte di recente, grazie a tessuti da esse prese tenuti in stato di criogenia.

 

La clonazione è diventata anche un’opzione per far tornare in vita animali domestici a noi cari, come cani e gatti. Nell’uomo la clonazione, nonostante l’opposizione basata su motivazioni filosofiche, etiche o mediche, se perfezionata, potrebbe essere una valida strategia riproduttiva, in aggiunta alla fecondazione in vitro, alle madri surrogate, all’adozione e alla riproduzione tradizionale. La clonazione ha aperto la strada per rendere meno controversa l’ingegneria genetica applicata ai bambini sia per lo screening genetico, permettendo di diminuire i rischi di malattie ereditarie, che per assicurare la compatibilità nel trapianto di cellule staminali nei fratelli con almeno un genitore in comune. La clonazione umana è comunque allo stato attuale ufficialmente vietata a livello internazionale.

 

Nel dicembre del 1998, vent’anni fa, un gruppo di scienziati della Corea del Sud avviò la clonazione di un embrione umano!

Nella cellula uovo di una donatrice di trent’anni venne sostituito il nucleo con quello prelevato da una cellula del corpo della stessa donna, dando poi il via alla duplicazione della cellula uovo.

È lo stesso metodo che è stato utilizzato dall’Accademia delle scienze cinese per la clonazione dei due macachi Zhong Zhong e Hua Hua annunciata nei mesi scorsi. I genetisti lo indicano con la sigla Scnt, che sta per Somatic cell nuclear transfer, cioè Trasferimento del nucleo di cellule somatiche.

L’esperimento coreano del 1998 fu bloccato quando l’embrione era arrivato solo alla dimensione di quattro cellule per motivi etici.

Le probabilità che l’embrione potesse svilupparsi fino a dar vita a un essere umano non erano molto alte. Per riuscirci l’embrione avrebbe dovuto essere trasferito nell’utero di una donna per avviare una gravidanza.

Dalla clonazione della pecora Dolly nel 1996 in poi, sono stati clonati molti mammiferi (cavalli, topi, gatti) ma le percentuali di individui nati rispetto al numero di embrioni creati sono sempre state molto basse.

Lo stesso esperimento cinese sui macachi è partito con 79 embrioni per ottenere 6 gravidanze e 2 nascite.

Il risultato degli scienziati coreani dimostrò però per la prima volta la possibilità di avviare la divisione della cellula uovo umana anche dopo la sostituzione del nucleo.

Nel 2013 il processo è stato ripetuto con successo alla Oregon Health and Science University negli Stati Uniti usando il nucleo di cellule di un feto.

L’anno dopo la stessa cosa è stata fatta da scienziati dello Institute for Stem Cell Research di Los Angeles e dello Stem Cell Institute di Seoul usando in questo caso fibroblasti di individui adulti di età tra 35 e 75 anni.

In entrambi questi studi, pubblicati da riviste scientifiche, lo scopo dichiarato era tentare di ottenere cellule staminali e non avviare la clonazione di un individuo.

Fantasiosi annunci di clonazioni umane sono stati fatti in passato. Il più famoso è quello della setta dei raeliani che nel 2002 dichiararono di aver fatto nascere prima una bambina e poi un bambino clonati.

Ma siamo sicuri che gli esperimenti si siano fermati a quanto dichiarato?

E che siano solo fake news quelle di avvenute clonazioni umane? E comunque: per quanto resteranno tali?

 

Share