Ad un mese dalla scomparsa di Domenico Maselli – professore di Storia del Cristianesimo, pastore della Chiesa Evangelica Valdese di Lucca, parlamentare alla Camera dei Deputati eletto per due mandati nel collegio di Lucca – riprendono le attività del Centro Culturale Pietro Martire Vermigli da lui fondato nel 2001 insieme a Simonetta Adorni Braccesi, Jole Affuso, Vittorio Barsotti, Alessio Lucarotti e Marco Trasciatti.

mons_buzzi

Barsotti, Del Carlo, Lucarotti

Negli ultimi mesi la vita di Domenico Maselli si è concentrata sulla riorganizzazione del Centro Vermigli e nella ideazione di un fitto elenco di incontri che avrebbe preparato la strada alla fondazione del Centro Ecumenico cittadino che è stato per molti anni il suo vero sogno e che voleva fosse intitolato a due grandi figure della spiritualità e dell’ecumenismo come Giovanni Diodati e Giuliano Agresti, entrambi fortemente legati alla città di Lucca: il primo – ginevrino di origini lucchesi – è stato teologo protestante e traduttore in italiano della Bibbia del 1607; il secondo ha lasciato un segno indelebile come vescovo di Lucca tra il 1973 e il 1990.

Un percorso denso di appuntamenti che riguarderanno momenti di riflessione e discussione sui temi della spiritualità, della storia, dell’etica, della Riforma, ma anche della musica, dell’architettura, del legame fortissimo tra Lucca e Ginevra, della cultura e della società contemporanea, sempre all’insegna dell’incontro e del confronto tra culture. Un percorso che si concluderà idealmente il 1 novembre 2017 – cinquecentesimo anniversario della data simbolo dell’avvio della Riforma – con la posa della prima pietra del Centro Ecumenico Agresti-Diodati.

La riorganizzazione ha visto nelle scorse settimane l’elezione del Consiglio Direttivo che ha il compito di attuare il percorso e di sviluppare le attività del Centro Vermigli nella direzione dello statuto che prevede – tra l’altro – la promozione con spirito laico e aconfessionale della “conoscenza e dello studio del pensiero e della storia religiosa, civile e sociale dell’Italia e di Lucca, con riferimento al dibattito attuale”. Per il prossimo biennio il Centro Vermigli sarà diretto da:

  • Samuele Del Carlo – Presidente (membro e predicatore della Chiesa Evangelica Valdese di Lucca; dopo gli studi classici e di storia del cristianesimo antico, si interessa di cultura del vino e del cibo e lavora nel mondo della comunicazione enoica)
  • Alessio Lucarotti – Vice Presidente (fondatore del Centro Vermigli; imprenditore)
  • Giuseppe Farinella – Segretario (membro della Chiesa Evangelica Valdese di Lucca; dirigente amministrativo del tribunale di Lucca)
  • Prof. Eugenio Biagini (membro della Chiesa Evangelica Valdese di Lucca; Professore di storia moderna e contemporanea Inglese ed Europea presso l’Università di Cambridge – UK – le cui ricerche si sono concentrate in particolare su democrazia, diritti civili e minoranze religiose)
  • Monsignor Roberto Filippini (Vescovo di Pescia; già rettore del Seminario di Pisa, preside dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Nicolò Stenone” di Pisa, delegato diocesano per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso della diocesi di Pisa)
  • Rosella Tuccini (membro della Chiesa Evangelica Valdese di Lucca)
  • Don Mauro Lucchesi (delegato diocesano per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso della diocesi di Lucca; coordinatore della Commissione Regionale per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso della Conferenza Episcopale Toscana; docente di ecumenismo presso lo Studio Teologico Interdiocesano di Camaiore e l’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Nicolò Stenone” di Pisa; membro della Consulta Nazionale per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso della conferenza Episcopale Italiana; socio fondatore dell’Associazione Italiana docenti di ecumenismo; vicario episcopale di Lucca per la pastorale; direttore dell’Istituto diocesano di musica “Baralli”)

Oggi il Centro Pietro Martire Vermigli raccoglie l’eredità di Domenico Maselli, la fa propria e avvia quel percorso con un primo, importante evento: venerdì 8 aprile alle ore 18.00 presso LuccaLibri – Caffè Letterario – Monsignor Franco Buzzi presenterà il suo libro “Erasmo e Lutero. La porta della modernità (XVI-XVII)” edito da Jaca Book nel 2014.

Don Franco Buzzi è sacerdote della Diocesi di Milano. Ha studiato teologia e filosofia a Milano, Roma e Monaco di Baviera, conseguendo la licenza in teologia (Facoltà Teologica di Milano) e il dottorato in filosofia (Pontificia Università Gregoriana, Roma); ha insegnato filosofia nel Seminario Teologico di Milano e presso la Facoltà di Teologia dell’Italia Settentrionale. È stato professore invitato alla Pontificia Università Gregoriana di Roma. Fa parte del Collegio dei Dottori della Biblioteca Ambrosiana di Milano ed è Presidente dell’Accademia Ambrosiana. Dal 2007 è Prefetto della Biblioteca Ambrosiana.

Un’occasione per andare alla radici della Riforma con una riflessione su due pensatori simbolo della spiritualità europea e del dialogo tra culture attraverso la voce autorevole di un nostro contemporaneo.

L’appuntamento successivo si svolgerà a inizio giugno – la data è in via di definizione – con il professor Erik Nofke della Facoltà Valdese di teologia di Roma e tratterà delle traduzioni della Bibbia da Lutero a oggi.

Gli ulteriori incontri pensati e programmati da Domenico Maselli – in via di definizione puntuale e calendarizzazione – toccheranno diversi argomenti:

  • La Riforma nelle città svizzere
  • L’evangelismo italiano
  • La Riforma a Lucca
  • La Riforma e i Valdesi
  • Il Concilio di Trento
  • La Riforma cattolica
  • La Riforma cattolica a Lucca
  • Le mura di Ginevra e l’Explanade. San Francesco di Sales.
  • Le mura di Lucca: loro funzione nel passato e loro significato oggi
  • Lucchesi di Ginevra e Riforma
  • Il Corale da Lutero a Ginevra
  • Musica sacra e musica profana a Lucca
  • Lucca religiosa nel Seicento
  • Ginevra illuminista (Jean Alphonse Turrettini – Rousseau). Funzione del Risveglio e della separazione tra Stato e Chiesa.
  • Vocazione pacifica ed ecumenica della Ginevra del Novecento
  • I grandi vescovi lucchesi dell’ultimo secolo
  • Che vocazione dare a Lucca

Per ogni contatto:
www.centrovermigli.it (in costruzione)
info@centrovermigli.it

 

Share