A Lucca le finali per il titolo di Campione d’Italia di Pallapugno

In arrivo circa 100 persone tra atleti, arbitri e dirigenti più oltre 150 persone al seguito

Sabato 2 aprile e domenica 3 aprile 2016 si giocherà a Lucca la Fase Finale per l’assegnazione del titolo di Campione d’Italia Seniores, maschile e femminile, del Campionato Nazionali di Pallapugno Leggera, indetto ed organizzato dalla Federazione Italiana Pallapugno, aderente al CONI.

Il programma della manifestazione sportiva è stato presentato questa mattina a Palazzo Orsetti durante una conferenza stampa alla quale sono intervenuti l’assessore allo Sport Celestino Marchini, il delegato regionale della Federazione Italiana Pallapugno Valter Romagnoli e il delegato provinciale Gabriele Giannecchini, insieme a Alessandra Nieri per il comitato regionale CONI.

Parteciperanno alla fase finale le squadre maschili e femminili seniores che si sono laureate campioni, nei rispettivi tornei regionaliA Lucca sono quindi presenti le squadre maschili rappresentanti di Toscana, Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Liguria, Veneto, Campania, Puglia e Sicilia; le squadre femminili provengono da Toscana, Piemonte, Valle D’Aosta, Liguria, Lombardia, Campania, Puglia e Sicilia. . E’ previsto l’arrivo in città di circa 100 persone tra atleti, arbitri e dirigenti più oltre 150 persone al seguito delle squadre.

La Federazione Pallapugno ha organizzato la prima finale nazionale nel 2015 a Torino, con la partecipazione di ben 11 formazioni maschili e femminili, sempre in rappresentanza delle varie Regioni.

Per l’edizione 2017 la Fase Finale è stata assegnata alla Sicilia.

L’intento federale è quello di allargare sul territorio nazionale un gioco giovane, dinamico, spettacolare  che non ha bisogno di attrezzature particolari. Basta una palla dal diametro di 13 cm. e dal peso di 60 g.  e un campo da pallavolo (18×9), senza alcuna rete, senza nessun’altra struttura. Gli atleti, normalmente giocano a mani nude, ma possono usare un minimo di protezione indossando un guantino da ciclista o da One Wall. La palla può essere colpita dal pugno o dalla mano aperta. Se la palla colpisce una parte del corpo che non sino i due avambracci è fallo e viene assegnato un 15 alla squadra avversaria.

Sul campo da pallavolo si incontrano due squadre composte da 4 giocatori l’una. Si può immaginare una partita di tennis, con la differenza che si gioca su un campo più ristretto e con quattro giocatori per parte. A parte la battuta d’inizio del gioco che è tendenzialmente dal basso verso l’alto e mai dall’alto verso il basso, la palla deve viaggiare da una campo all’altro e i vari giocatori la devono colpire al volo o al primo salto. Anche il punteggio e uguale a quello del tennis (15, 30, 40, gioco. Non ci sono vantaggi) e anche i set sono uguali. Si può giocare al meglio dei tre set o al meglio dei cinque set. Per ogni set esiste un time out di un minuto che può essere richiesto dalle squadre e in caso di parità nell’ultimo set il Tie-break.

Il gioco è molto veloce e i “15” si conquistano o si perdono velocemente. Altre regole si rifanno al classico gioco della Pallapugno dove, per esempio le linee laterali del campo e la linea centrale quando toccate dalla palla sono fallo.

Lo sport, nato alcuni decenni fa, sta prendendo piede in tutte le Regioni italiane, partendo dalle scuole. E’ uno sport che non ha costi, che permette di sviluppare buoni riflessi, veloci movimenti di gambe, battute forti, schiacciate alla pallavolo. In sostanza è uno sport completo.

A Lucca, grazie alla collaborazione col Comune, che ringraziamo,  ha concesso l’uso della piazza San Francesco e del Palazzetto dello Sport, grazie alla Provincia che ha concesso diverse altri campi di gioco, si prevede che arrivino oltre un centinaio di atleti, provenienti da quasi tutta l’Italia che a partire dalle ore 14,00 del sabato si confronteranno e si giocheranno il titolo nazionale. A Torino, l’anno passato la squadra femminile della Toscana si aggiudicò il secondo posto e quest’anno parte come testa di serie.

Il programma prevede la presentazione delle squadre in piazza San Francesco alle ore 12:00 alla presenza delle massime autorità sportive, civili e religiose. Alle ore 14:00 a seguito dei sorteggi, inizieranno le partite. I giochi si interrompono alle ore 19:00 per permettere agli atleti di partecipare alla “cena di gala” in Piazza S.Francesco, ospiti del Comitato di Quartiere.

La domenica mattina alle ore 9:00 riprenderanno le gare che andranno avanti ad oltranza fino alle ore 16:00/16:30 quando le autorità premieranno le squadre campioni d’Italia 2016.

In diverse Regioni c’è stata una notevole selezione come ad esempio in Piemonte. In questo caso ci sono regolari campionati di serie A e di serie B con un bel numero di squadre che giocano ininterrottamente da novembre fino a questi giorni. Basti pensare che l’ultima partita femminile che designava la squadra partecipante ai nazionali si è giocata alla vigilia di Pasqua.

La Federazione Pallapugno, attraverso il suo Delegato regionale, Valter Romagnoli, sta compiendo uno sforzo enorme per seguire e supportare tutta l’attività della pallapugno leggera.

Una bella realtà italiana.

Share