A Ghivizzano sabato 29 giugno si festeggeranno i Santi Pietro e Paolo e si ritornerà, dopo molti anni, come da tradizione popolare, a premiare le migliori Torte coi becchi ed i balconi fioriti più belli del paese.

Sarà un salto bel passato con una narrazione legata alla Festa di paese e si svolgerà nel Castello, come lo chiamano a Ghivizzano, ma con l’inclusione di “quelli dell’osteria”.

La Pro Loco di Coreglia ha voluto così riportare all’attualità quella che era una vera e propria ricorrenza del paese, dove non mancherà la premiazione del ghivizzanese più famoso dell’anno, il neo acquisto nel Napoli, Giovanni Di Lorenzo, terzino e enfant du pays locale, già nel giro della Nazionale di Calcio.

La Pro Loco, rinata dopo anni di crisi, ha saputo raccogliere un nutrito numero di giovani che, insieme ad altri volontari, hanno rimesso in cantiere un momento di comunione fra tutti i paesani, legato alla storia e alla cultura del territorio.

Sabato 29 giugno si parte alle 9.00 con una escursione, accessibile ai molti, all’Eremo di Sant’Ansano, che si richiama al viaggio di San Pietro e Paolo, sotto la guida ambientale Stefano Pucci. Sant’Ansano è un Eremo Romitorio su un colle poco distante da Lucignana, immerso in un bosco di lecci con una antica chiesa già esistente nel 1000. Qui è programmata “Buongiorno Poesia” con Alba Donati e Giulia Martini, organizzata dalla Associazione Fenysia.

Alle 12.00 si aprirà l’accoglienza al Castello in via di Sossala, e lungo via David Camilli, saranno aperti gli stand gastronomici, con cibi popolari locali.

Alle 14.00 ci sarà la premiazione dei Balconi Fioriti e delle Torte coi becchi (per partecipare ai bandi di questi concorsi basta scrivere e chiedere copia del Bando proloco.coreglia@gmail.com).

Dalle 15.00 seguirà la visita guidata del “paese alto” ove sulla Terrazza della Torre si troveranno a raccolta pittori e artisti lucchesi. Non mancheranno i banchetti con prodotti artigianali e i giochi storici dei ‘bambori’. La premiazione di Giovanni Di Lorenzo, con il “Castruccio 2019” sarà il clou pomeridiano.

Alle 21.00 ci sarà la Santa Messa officiata da don Giuseppe Andreozzi nella Chiesa Parrocchiale e dopo, sempre con gli stands gastronomici attivi, si apriranno le danze con la Carlo’s Band.

Il presidente della Pro Loco, Fulvio Mandriota, si dichiara molto soddisfatto per la collaborazione attivatasi con l’evento di San Pietro e Paolo:

Invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare numerosa per festeggiare tutti insieme. Abbiamo ridato vita ad una storica festa, abbiamo soprattutto reso protagonisti gli abitanti del proprio paese. I nostri soci, che voglio ringraziare pubblicamente, hanno voluto così, recuperare un rapporto fra la gente. Un sentito riconoscimento va agli amici del Gruppo Parrocchiale, alla Croce Verde e al Parroco don Giuseppe Andreozzi. La nostra volontà di rianimare i paesi parte da Ghivizzano e Lucignana, ma era già partita con Gromignana, e poi approderà a Tereglio, Vitiana, Calavorno, Coreglia e Piano di Coreglia. Dopo quasi un anno di vita la Pro Loco ha raccolto già più sessanta soci in tutto il territorio e stà collaborando fattivamente con Croce Verde (ricordo “Burracando in Piazza”, appena iniziato) e la Misericordia di Piano di Coreglia. Vogliamo stimolare l’amministrazione comunale ad un rapporto collaborativo con tutti, dove ogni cittadino si possa sentire parte attiva di una comunità e dove gli abitanti un tempo non lontano ospitavano con entusiasmo personaggi come Ungaretti, Carrà, Augusto Mancini, Manara Valgmigli, Custer dei Nobili. Siamo una bella comunità con splendide ricchezze artistiche e luoghi turistici veramente unici, dobbiamo solo ritrovare fiducia per ridare testimonianza di tutto ciò. Aspettiamo tutti gli amici e che i cittadini di Ghivizzano invitino, come tradizione di una volta, i parenti lontani e vicini a festeggiare insieme il Santo Patrono”.

Share