A Ecomondo sarà presentato Life Aspire, per ridurre l’impatto del trasporto merci nel centro storico e rendere la logistica più sostenibile
Domani (6 novembre) Lucense porterà alla fiera di Rimini sulla logistica smart i primi

risultati del progetto voluto dal’amministrazione comunale.

Life Aspire, il progetto promosso dall’;amministrazione comunale per ridurre l’impatto del
trasporto merci nel centro storico e rendere la logistica sempre più ecologica e sostenibile,
sarà presente a Ecomondo, la fiera di riferimento in Europa per l’innovazione industriale e
tecnologica dell’economia circolare. Domani (mercoledì 6), infatti, Lucense porterà a Rimini il
progetto Life Aspire, avviato dal Comune di Lucca – ente pilota insieme a Zara e Stoccolma –
e finanziato dalla Commissione Europea, partecipando al convegno “Logistica merci: i

progetti per la logistica smart in Italia”, organizzato dal Kyoto Club di Roma e dall’Istituto
sull’inquinamento Atmosferico del CNR di Roma.
Il convegno offrirà un approfondimento sul ruolo strategico della logistica urbana nelle città di
oggi: nelle diverse sessioni saranno messe a confronto le buone pratiche esistenti in Italia
e le innovazioni tecnologiche per il sistema di distribuzione delle merci del futuro.
Lucense interverrà su diversi temi: dalle innovazioni per il monitoraggio del trasporto merci
agli incentivi delle pratiche eco-sostenibili per la riduzione degli impatti fino alla realizzazione
di una logistica urbana carbon-free.
In particolare, saranno presentati i risultati preliminari del progetto Life Aspire, l’innovativo
progetto avviato dal Comune di Lucca che intende premiare gli operatori del trasporto
merci più sostenibili, selezionati tramite la definizione di un rating di sostenibilità, applicato
a tutti gli operatori del trasporto merci autorizzati ad accedere alla ZTL comunale. A
monitorare i parametri ci penserà un insieme di tecnologie, quali antenne per la lettura
automatica degli accessi e delle uscite dalla Ztl mediante tag RFID associati al veicolo,
sensori per il controllo dell’occupazione degli stalli di sosta dedicati al carico/scarico merci,
utilizzo di un servizio sperimentale di cargo-bike sharing dedicato agli operatori della logistica
urbana.

Share