A Dap (Danza in Arte a Pietrasanta) Festival sabato 3 alle 21.30 arriva l’attesissima israeliana Orly Portal Dance Company. Tre i danzatori che porteranno sul palco della Versiliana a Marina di Pietrasanta “Fakarouni” (ricordati di me in arabo). Si tratta di una danza di passione, un rituale ricco di temperamento che rivela l’intima connessione tra il corpo temporale e l’amore duraturo, che esalta il movimento cerimoniale del corpo in un’affascinante esibizione in cui i passione e libertà si riscattano sia per l’uomo che per la donna. Ad accompagnare le movenze dei danzatori, una registrazione della cantante e musicista Umm Kulthum. Umm Kukthum, conosciuta nel mondo arabo come “la Signora”, è un’icona culturale di libertà e ben si accompagna a questo stile di danza che mescola oriente ed occidente in andature delicate in cui i confini di genere e culturali si confondono.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Portal nasce esattamente un anno fa, in piena pandemia, nell’ambito del programma di residenza per artisti presso il Suzanne Dellal Center di Tel Aviv. Composta esclusivamente da donne, per la prima volta la Orly Portal ha creato un pezzo per tre uomini: Artour Astman, Anderson Braz e Erez Zohar, membri di importanti compagnie di danza come la Batscheva Dance Company.

Ad anticipare l’esibizione degli israeliani che potremo ammirare in Versiliana, in centro storico alle 20.45 (e precisamente piazza Carducci) ci sarà un piccolo assaggio gratuito di Monia Galleni esperta di pole dance accompagnata alla chitarra da Michelangelo Tozzi. Mentre gli spettacoli a pagamento di Dap Festival proseguiranno domenica 4 luglio nel Chiostro di Sant’Agostino con “Whatever Works” della Kinesis Contemporary Dance Company.

Dunque ancora grande qualità per questa quinta edizione della rassegna internazionale di danza contemporanea che si protrarrà fino al 10 luglio. Ricordiamo che Dap Festival è organizzata da New Dance Drama con il patrocinio del Comune di Pietrasanta e del Ministero della Cultura che.

 

Info: www.dapfestival.com

Share