A 20 MINUTI DALLA GROTTA DEL VENTO UN PUNTO PANORAMICO DI STRAORDINARIA BELLEZZA: LA CROCE DEL GALLATOIO
Capita a volte che dalla Grotta del Vento la Pania Secca si stagli nitidissima nell’azzurro cupo del cielo con ombre nette che, senza bisogno di un binocolo, permettono di percepire i più sottili dettagli della massa rocciosa.
In queste condizioni di visibilità, merita fare una capatina fino alla Croce del Gallatoio: uno dei punti panoramici più suggestivi della Garfagnana. In linea d’aria dista appena due chilometri.
Per raggiungerlo, si scende verso Fornovolasco. Dopo un paio di chilometri dal punto di partenza si giunge a un bivio. Svoltando a destra si segue per 5350 metri una stretta strada in salita. In corrispondenza di un brusco tornante si abbandona la via principale imboccando una strada ancora più stretta che termina settecento metri più avanti in un minuscolo gruppo di case denominato Gallatoio.
Lasciata l’auto, si prosegue a piedi in salita per cinque minuti (meno di 150 metri), fino alla sommità di un colle erboso sotto il quale un profondo precipizio sovrasta le case di un altro nucleo abitato detto Col di Luco. Dall’altra parte della valle si erge maestosa la mole possente del massiccio delle Panie nel suo profilo più noto, quello meridionale, caratterizzato da imponenti dirupi, sottili crinali e profondi canaloni. In fondo ad uno di essi, che incide il versante sud del monte Pania Secca, sono perfettamente visibili il piazzale di parcheggio e l’edificio di accoglienza turistica della Grotta del Vento.
Sulla sinistra si può osservare il ponte naturale del Monte Forato. Sulla destra, oltre le valli della Turrite e del Serchio, emergono i dolci profili di alcune tra le maggiori vette dell’Appennino Tosco-Emiliano.
Alla base della croce metallica che è stata eretta alla sommità di questo belvedere qualcuno ha sistemato una comoda panchina dalla quale si può ammirare in completo relax questo meraviglioso spettacolo offerto dalla natura.

 

Share