21.500 euro per l’illuminazione dello Skatepark e del campo da baskin a San Vito: approvato il progetto esecutivo per gli impianti

proiettori led ad alta efficienza con gestione automatizzata

Uno dei luoghi più amati da giovani e giovanissimi di San Vito avrà presto una nuova illuminazione ad alta efficienza finanziata dal Comune di Lucca con una spesa di 21.500 euro Il nuovo Skatepark e il campo di baskin polivalente all’interno del circuito della scuola ‘Chelini’ di San Vito, realizzati nell’ambito del progetto Quartieri Social, hanno attirato in questi anni centinaia di giovani anche da fuori del territorio comunale, ma non erano completamente fruibili in orario serale per la mancanza di un impianto di illuminazione dedicato.

Dopo alcuni interventi temporanei per garantire almeno una parziale illuminazione notturna realizzati nella primavera è stato approvato il nuovo progetto esecutivo per la realizzazione di un impianto che renderà funzionali le due strutture a qualsiasi ora. Saranno installati 12 nuovi proiettori led (4 per lo skatepark e 8 per il campo baskin) che saranno posizionati alla sommità di pali di 18 metri di altezza, producendo una luminosità adeguata alle norme richieste per le attività sportive. I lavori sarano conclusi entro marzo.

“È un intervento che abbiamo sollecitato fortemente agli uffici perché indispensabile a rendere veramente complete queste strutture che hanno avuto un grandissimo successo fra i nostri concittadini più giovani – afferma l’assessore ai lavori pubblici Francesco Raspini – questo nuovo impianto sarà intelligente e renderà completamente autonoma la fruizione dei campi. Al crepuscolo i fari si accenderanno automaticamente con una potenza di solo il 20% ma i sensori, rilevata la presenza di persone sul luogo, aumenteranno la luminosità dei fari fino al 100% garantendo quindi risparmio energetico a strutture vuote e autonomia di utilizzo. Questo luogo dimostra come l’architettura per l’aggregazione possa fare veramente la differenza per la qualità della vita e per l’urbanistica del futuro”.

 

Share