136 ANNI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE DI VIAREGGIO
PREMIATI I LETTORI PIÙ AFFEZIONATI
125MILA EURO DI CONTRIBUTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELL’ARCHIVIO

Tutti i numeri del 2021
——————————–

136 anni: tanti sono passati dalla prima apertura della Biblioteca Comunale di Viareggio. Per festeggiare adeguatamente la ricorrenza, nei giorni scorsi è stata celebrata la Festa del Lettore che ha visto premiare gli utenti più affezionati con una sentita cerimonia.

Si sono aggiudicate il diploma di lettrice dell’anno 2021 due sorelle di 8 e 5 anni, Martina e Victoria Poletti, per la sezione Ragazzi Immaginaria e Donatella Biagioni e Anna Antonella Lombardi per la sezione adulti.
A consegnare il riconoscimento l’assessore alla Cultura Sandra Mei.

«La nostra biblioteca svolge una funzione importante facilitando l’accesso di tutti ad un’ampia e vasta gamma di risorse e strumenti dell’informazione e della conoscenza – commenta l’assessore alla Cultura Sandra Mei -. Oltre a rappresentare un luogo sicuro dove studiare, leggere, fare ricerca, confrontarsi, la biblioteca comunale, attraverso le proposte culturali, gli incontri formativi, la didattica multimediale, sostiene lo sviluppo delle abitudini di lettura di adulti e ragazzi; realizza un intervento fondamentale e trasversale, tra istituzioni, associazionismo e territorio, dimostrandosi biblioteca di una intera comunità».

I servizi di prestito bibliotecario “locale”, sistemico e intrasistemico sono strumenti indispensabili per la creazione di nuovi lettori, servizi molto apprezzati dai frequentatori della biblioteca.

Gli utenti iscritti al servizio di prestito sono 5.792, di cui 1.888 ragazzi e 3.904 adulti. I nuovi iscritti per l’anno 2021 sono 799. Il totale dei libri presi in prestito è di 4.699 mentre i libri catalogati, inseriti on line e consultabili nel catalogo Sebina Next sono 1.949.
Come funziona? Se si desidera leggere un libro basta rivolgersi al personale del reference della biblioteca per ottenere in prestito gratuitamente, per 30 giorni, testi e documenti presenti anche in altre biblioteche italiane.
Alla biblioteca comunale Marconi è possibile rintracciare pubblicazioni di narrativa, saggistica, storia, storia locale, filosofia, pedagogia, psicologia, tecnologia, arte, scienza, e altri testi tematici, accuratamente selezionati, tante novità.

Ma il prestito pubblico è una delle tante «anime» che vivacizzano la vita della biblioteca.
In tutto il corso dell’anno infatti, la biblioteca ha organizzato 134 eventi, 58 in presenza, 65 on line, 5 laboratori, 4 mostre e 2 spettacoli teatrali dedicati a Dante Alighieri.

«Grande attenzione all’utenza – sottolinea l’assessore Mei – ma anche un lavoro di progettazione per partecipare ai bandi e ottenere finanziamenti ad hoc, il più importante dei quali consentirà di digitalizzare l’intero archivio».

Partecipando al Bando del Ministero della Cultura dedicato al sostegno dell’editoria l’Amministrazione ha richiesto e ottenuto un contributo per l’acquisto di libri per un totale di 20.382 euro così suddivisi: 9.204 per la biblioteca Marconi, 9.204 per la biblioteca dei ragazzi, 1.972 per il Centro documentario storico.
Ottenuto anche un finanziamento di 2mila euro, per il progetto “Una guida per l’Archivio storico della biblioteca”, presentato alla Rete documentaria Lucchese – Provincia di Lucca: la guida sarà indispensabile per il reperimento dei documenti amministrativi, sia per uso istituzionale, sia per l’accesso dei cittadini.
Ulteriori 1.500 euro invece grazie al progetto sul bando per le celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri indetto da Regione Toscana: un progetto partecipato che ha coinvolto gli istituti superiori di Viareggio, l’Università della terza età, Cts Versilia, Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti, Comitato Archivio Artistico – Documentario Gierut, Centro Anziani Auser di Viareggio.
Infine il progetto Archivio3puntoZero, presentato sul bando Fondo Cultura del Ministero, grazie al quale è stato ottenuto un finanziamento di 125mila euro, di cui 100mila per servizi di digitalizzazione e 25mila per acquisto di beni.
Il progetto prevede il coinvolgimento attivo di persone e di pubblico, video tutorial, laboratori didattici in presenza, laboratori digitali (DigitaLab) on line, momenti di incontro culturale, webinar, giornate di studio, seminari tematici aperti alla cittadinanza. Non ultimo la realizzazione di un sito web secondo i criteri dell’accessibilità.

E poi i lavori di manutenzione: è stato rivisto completamente l’impianto di illuminazione nelle sale studio, alla dotazione informatica si sono aggiunte 5 nuove postazioni pc, 3 pc portatili e 10 tablet. In corso anche la sostituzione delle prese per alimentazioni elettriche.

«L’impatto della pandemia ha rivoluzionato tutte le procedure – continua l’assessore -: dopo le prime chiusure anche prendere in prestito un libro sembrava diventata un’operazione complicata. Abbiamo fatto di tutto per riaprire i locali e le sale lettura: dai protocolli di sicurezza rigidissimi agli incontri on line per non perdere il contatto con gli utenti. La biblioteca ha mille anime e conta su tante persone appassionate – conclude l’assessore Mei – che insieme lavorano per offrire un servizio completo e sempre all’avanguardia».

La biblioteca nel 2021 ha ottenuto, confermandolo, il titolo di Città che legge ed ha partecipano alle campagne nazionali e regionali, di promozione alla lettura e diffusione di buone pratiche educative, culturali, quali “Nati Per Leggere” Progetto Nazionale rivolto a bambini 0-6 anni e famiglie; “Libriamoci” campagna Nazionale promossa dal Ministero Beni e Attività Culturali e del Turismo; “Il Maggio dei Libri – Leggere fa crescere”, campagna nazionale promossa dall’UNESCO, dal Centro per il Libro e la Lettura; “Aiutaci a crescere – Regalaci un libro

Share