Stracolma piazza Aldo Moro ieri pomeriggio (venerdì) – erano presenti alcune migliaia di persone – per il concerto gratuito della PFM promosso in occasione del 1° maggio dal Comune con il contributo della Regione Toscana e di Toscana Energia. Lo storico gruppo musicale rock nato negli anni ’70 ha suonato per circa due ore riuscendo ad entusiasmare la piazza. Dopo aver iniziato con “La rivoluzione”, la formazione musicale composta da Franz di Cioccio, Patrick Djivas, Lucio Fabbri, Alessandro Scaglione, Roberto Guald e Marco Sfogli, il chitarrista partenopeo che ha preso il posto di Franco Mussida, ha eseguito alcuni dei suoi cavalli di battaglia: ”Impressioni di Settembre”, “La Carrozza di Hans”, “La luna nuova”, “Il banchetto” “E’ festa”.

Molto gradito dal pubblico l’omaggio a Fabrizio De Andrè. La PFM che nel 1978 fece con il cantautore genovese uno storico tour ha eseguito “Il sogno di Maria”, “Un Giudice”, “Volta la carta” e “Il Pescatore”. Ed è stata proprio con quest’ultima celebre canzone che la PFM, concedendo un bis, ha salutato il pubblico.

Successo anche per il concerto “Gaudats junk band”, una band speciale che suona solo con strumenti riciclati ed “inventati” che è salita sul palco dopo il concerto della PFM.

Il gruppo, nato da un progetto ideato da Daniele “Gaudats” Guidotti al quale hanno aderito alcuni amici musicisti a ‘chilometri zero’ ha proposto la rivisitazione in chiave “Junk” di famosi brani sia italiani che stranieri, spaziando trasversalmente tra i generi.

Della “Gaudats Junk Band” fanno parte anche personaggi molto conosciuti come Marco Bachi (bassista della Bandabardò) ed il frontman Rick Hutton, volto di Videomusic negli anni ’80-’90, entrambi presenti ieri sul palco di piazza Aldo Moro.

 

05.Patrick Djivas

 

 

03.pfm

04.franz di cioccio

07.gaudats junk band

 

02.piazza

 

 

 

Share