Sanità: Mallegni (FI) alla protesta Fials davanti al Pronto Soccorso Ospedale Versilia, in prima linea per sostenere petizione contro legge 84 (riordino sistema sanitario toscano)

“La legge 84 che ha riformato il sistema sanitario toscano non funziona. Doveva essere una rivoluzione ma è stata una rivoluzione al contrario che ha danneggiato solo i cittadini-pazienti. Da anni mi batto, prima da Sindaco, oggi lo faccio da Senatore, contro una legge che ha prodotto solo tagli, allungato le liste di attesa e creato caos all’interno delle strutture sanitarie pubbliche. Se hai i soldi ti curi, altrimenti…Noi vogliamo e pretendiamo una sanità pubblica. Si deve tornare al sistema sanitario nazionale”: lo ha detto il Senatore Massimo Mallegni in occasione della protesta del sindacato Fiald di fronte al Pronto Soccorso dell’Ospedale Versilia. Insieme a Mallegni, Elisa Montemagni, consigliere regionale della Lega e Alberto Giovannetti, candidato sindaco del centro destra a Pietrasanta e tra i primi firmatari della chiusura della Società della Salute in qualità di capo gruppo nell’assise cittadina. “Da sindaco, insieme al Comune di Viareggio, abbiamo lavorato per chiudere il carrozzone della Società della Salute che divorava soldi alla sanità senza produrre alcun risultato. E’ fondamentale che a Pietrasanta si confermi, il 10 giugno, un’amministrazione di centro destra per contrastare, a fianco di Viareggio, un sistema sanitario che è diventato un sistema di potere del Partito Democratico. Non si svende la sanità per una poltrona. C’è chi lo ha fatto. La sanità non dovrebbe avere colore politico e mi spiace che qui con noi oggi non ci sia nessuno del Pd perché dovrebbe anche essere nel loro interesse tutelare la sanità versiliese”. Mallegni sosterrà la petizione della Fials. “La legge va abrogata. Non funziona il nuovo sistema: è palese. Ammettere di aver sbagliato sarebbe un grande gesto di intelligenza da parte del Partito Democratico e del centro sinistra regionale”. Info su www.massimomallegni.com

FacebookTwitterGoogle+Condividi