Venerdì 20 aprile alle 18 presso l’Auditorium della Biblioteca Civica Agorà, piazza dei Servi – Lucca, lo sceneggiatore e regista ENRICO VANZINA presenta il libro “La sera a Roma” (Mondadori).

Intervengono Demetrio Brandi e Elena Marchini. L’incontro fa parte della rassegna Autori all’Agorà organizzata da LuccAutori – Premio Racconti nella Rete e Biblioteca Civica Agorà.

Dall’esperienza dell’autore di tanti successi cinematografici, una vera e propria sorpresa narrativa. Un romanzo che svela tutto il talento letterario di un maestro. Il protagonista di questa storia ambientata in una Roma contemporanea elegante e decadente – una citta? che ricorda quella sorrentiniana della Grande bellezza – e? uno sceneggiatore di esperienza e successo, alter ego di Vanzina stesso, che frequenta i salotti della nobilta? romana, ma anche le redazioni dei giornali e l’entourage cinematografico e intellettuale romano.

Un conoscente gli chiede di incontrare un giovane attore per capire se puo? aiutarlo a entrare nel mondo del cinema e lui, per cortesia, invita a casa sua quello che a prima vista e? un belloccio senza arte ne? parte. Il giorno dopo il ragazzo viene ucciso. E il protagonista, essendo uno degli ultimi ad averlo visto, si ritrova coinvolto nelle indagini, molto piu? di quanto si sarebbe aspettato.

A dipanare l’intricata trama di segreti, relazioni clandestine, innamoramenti mai confessati, tradimenti di patti e di amicizie, lavorano parallelamente – a tratti collaborando a tratti mettendosi i bastoni tra le ruote – un bravo e sagace commissario, un giornalista di cronaca nera assetato di scoop, e il nostro sceneggiatore, che si ritrova talmente invischiato nella vicenda sentimentale legata all’omicidio da mettere a rischio il proprio decennale matrimonio. Di rivelazione in rivelazione, la verita? viene a galla piano piano, tenendo altissima la tensione e spiazzando anche il lettore di detection stories piu? navigato. Ma La sera a Roma, con il suo andamento ipnotico e la sua lingua raffinata e avvolgente, e? anche un’affilata critica del mondo dei salotti buoni e della nobilta? romana, tanto piu? efficace perche?, provenendo da un narratore che quel mondo lo conosce bene, viene tratteggiata con sguardo al tempo stesso complice e sprezzante.

Enrico Vanzina, figlio del regista e sceneggiatore Steno, insieme al fratello Carlo e? vissuto nel mondo del cinema fin dall’infanzia, frequentando personaggi del calibro di Toto, Ugo Tognazzi, Mario Monicelli, Ennio Flaiano, Mario Camerini e Dino Risi. Nel 1976 ha iniziato a scrivere sceneggiature e da allora ha collaborato con i maggiori esponenti della commedia all’italiana. Nel corso degli anni Ottanta e Novanta ha firmato insieme al fratello i piu? grandi successi al botteghino italiano (Eccezzziunale… veramente, Sapore di mare, Vacanze di Natale…), film molto amati dal pubblico e spesso stroncati dalla critica. Nel 1986 ha fondato, sempre con Carlo, la casa di produzione Video 80 e da allora oltre alla produzione cinematografica si e? dedicato anche a quella televisiva. Ma il cinema e la tv non sono la sua unica occupazione. Ha collaborato per diversi anni con il “Corriere della Sera” e “Il Messaggero” e ha pubblicato diversi libri, tra cui Le finte bionde (Newton Compton) e Colazione da Bulgari (Salerno Editrice).

FacebookTwitterGoogle+Condividi